rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Economia

Case troppo vecchie, Confartigianato: "Verso un'edilizia ecosostenibile"

Ivan Zamagni, installatore elettrico di 40 anni titolare di Imea ubicata a Gambettola, è il nuovo presidente della filiera Comparto Casa di Confartigianato Federimpresa Cesena

Ivan Zamagni, installatore elettrico di 40 anni titolare di Imea ubicata a Gambettola, è il nuovo presidente della filiera Comparto Casa di Confartigianato Federimpresa Cesena, che associa varie centinaia di imprese del settore.

Il settore dell'edilizia e dell'indotto di tutto il comparto casa è stato ed è fra quelli che ha sofferto di più l'effetto della crisi scoppiata a fine 2008 e tuttora in corso, dopo ormai otto anni: per quanto riguarda le piccole imprese del comparto casa contrariamente a quanto avvenuto in altri settori la crisi economica ha propagato i suoi effetti molto più lentamente e in maniera pervasiva. Anche nel Cesenate si è registrato un calo e un indebolimento generale delle piccole imprese. "Il nostro comparto, specie nel settore dell'installazione è al centro di un processo notevole di innovazione. Le sfide che la nostra filiera d'impresa è chiamata a sostenere - dice Zamagni  - riguardano in particolare lo sviluppo di un'edilizia più eco-sostenibile, la diffusione della cultura e della prassi della certificazione energetica degli edifici, lo sviluppo della domotica e dalla casa 'intelligente': tutti settori su cui ci stiamo muovendo in nicchie di mercato che si allargano anche nel cesenate. La razionalizzazione della burocrazia nella regolamentazione edilizia, nuove regole più premianti verso le imprese nelle procedure di appalto degli enti pubblici locali, l'accorciamento dei tempi di pagamento della pubblica amministrazione, lo sviluppo delle energie rinnovabili e l'incentivazione del fotovoltaico, la promozione capillare della certificazione dei serramenti".

"L'impegno che ci siamo assunti - prosegue Zamagni - è quello di collaborare e di lavorare insieme con spirito di squadra:  puntiamo su una maggior visibilità e conoscenza dei delegati nei confronti delle imprese associate del settore per creare maggiori sinergie; sulla formazione professionale per promuovere la qualificazione delle imprese e servizi sempre a regola d'arte, su comportamenti etici e trasparenti degli imprenditori nella logica di una competizione leale. La filiera del comparto casa è interessata inoltre alla valorizzazione delle fiere del settore e si impegnerà in una campagna di comunicazione per favorire nell'utenza una maggior conoscenza dei ritorni economici che si possono avere investendo in fabbricati eco-sostenibili ed impianti ad alto rendimento energetico, che le amministrazioni pubbliche debbono sostenere di più".

Un quinto delle case italiane e anche del nostro territorio è vecchio, obsoleto e in cattive condizioni. Lo rileva un’analisi condotta da Confartigianato. Le cattive condizioni delle case, oltre a mettere a rischio la sicurezza dei cittadini, contribuiscono a gonfiare la bolletta energetica delle case. Secondo la rilevazione di Confartigianato, infatti, il comparto residenziale determina il 28,8% dei consumi finali di energia. Più di quanto assorbono i trasporti su strada (27,7%) e l’industria (22,7%).La spinta a migliorare la condizione delle abitazioni di molti italiani arriva dai bonus fiscali per ristrutturazioni e risparmio energetico previsti dalla legge di Stabilità. “E’ indispensabile – sottolinea Zamagni – rendere stabili e permanenti, nella misura indicata nella legge di stabilità 2016, gli incentivi fiscali che consentono di raggiungere più obiettivi: riqualificazione del patrimonio immobiliare, risparmio ed efficientamento energetico e difesa dell’ambiente, rilancio delle imprese delle costruzioni, emersione di attività irregolari”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case troppo vecchie, Confartigianato: "Verso un'edilizia ecosostenibile"

CesenaToday è in caricamento