Caro rifiuti, Confcommercio al fianco delle imprese: istituito lo sportello Tari

Nello specifico Confcommercio Cesena da anni è impegnata in un’azione di tutela delle imprese

l tema dell’efficienza del servizio di gestione rifiuti, insieme alla relativa tassazione (la TarI) in termini di sostenibilità economico-ambientale, costituisce da tempo oggetto di particolare attenzione per il mondo delle imprese del cesenate. Nello specifico Confcommercio Cesena da anni è impegnata in un’azione di tutela delle imprese e di richiesta agli enti decisori di definire tariffe puntuali che rispecchino e rispettino l’entità dei rifiuti effettivamente erogati e smalti.

"Alcune categorie pagano bollette di varie migliaia di euro che vengono recepite come inique e vessatorie - afferma il presidente dell'associazione di categoria, Corrado Augusto Patrignani -. Lo spostamento dell’ente decisore a Atersir regionale, al posto di Ato provinciale, ha allontanato i centri decisionali e, soprattutto, è radicato in molte imprese il convincimento  di pagare una tassazione non equa, in quanto non commisurata all’effettiva prestazione resa dal servizio pubblico locale, in termini di quantità di rifiuti urbani avviata allo smaltimento.

"Confcommercio cesenate - chiosa Patrignani - rimarca che tra i vari tributi, la tassa sulla gestione dei rifiuti è quella che ha registrato i maggiori aumenti che nell'ultimo quinquennio, hanno superato i 2,5 miliardi di euro a livello nazionale e anche a livello territoriale l’escalation è stata inarrestabile. Gli aumenti si sono riflessi in livelli tariffari ingiustificati e fortemente disomogenei, tra territori e territorio. Numerosi sono i casi ove la spesa per la gestione dei rifiuti, per la stessa tipologia di servizio, manifesta scostamenti enormi anche tra Comuni limitrofi nel comprensorio Cesenate e ciò produce nelle piccole imprese sconcerto e riprovazione".

"Un altro problema molto avvertito dalle imprese è l’attribuzione di tariffe bollette non suffragate da veridicità rispetto ai dati delle metrature e degli altri coefficienti che determinano l’ammontare delle tariffa - conclude Patrignani -. Per cercare di porre un freno a disagi e incongruenze, Confcommercio Cesenate ha dunque istituito lo sportello Tari, rendendosi disponibile con la propria struttura a realizzare su richiesta degli associati una prima verifica della superficie soggetta a tassazione, propedeutica ad una eventuale successiva operazione di revisione di superficie tassabile". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento