Camere di Commercio, lettera aperta della Cisl Romagna

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Il dibattito che anche in questi giorni  si sta sviluppando sul futuro assetto dimensionale delle Camere di Commercio delle province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini, ha indotto  la Cisl Romagna ad esprimere  alcune valutazioni di merito.

L'esperienza consolidata nel Trasporto Pubblico Locale con la fusione in un'unica Azienda gestore del servizio, nonché nella Sanità con la costituzione dell'Ausl Romagna in luogo delle quattro Ausl prima esistenti, ha rappresentato un importante passo verso l'identificazione di un'Area vasta Romagnola, le cui caratteristiche socio economiche comuni ai territori che la compongono, consentono di poter superare gli attuali confini provinciali, in una dimensione più ampia e sicuramente più funzionale a favorire uno sviluppo omogeneo dell'intera area.

Anche il confronto politico in essere sul riordino istituzionale, connesso alla riduzione del numero delle Province attraverso un processo di aggregazione di quelle esistenti, sembra caratterizzarsi sempre più verso una comune volontà di individuare una struttura di secondo livello, che incorpori le tre province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini in un'unica Area vasta Metropolitana, capace di mettere in sinergia tutte le potenzialità esistenti, per determinare quelle condizioni di competitività ed attrattività territoriale, indispensabili per cogliere  tutte le opportunità di crescita.

Anche sul versante dell'associazionismo, volendo tralasciare la scelta fatta già all'inizio del 2013 dalla Cisl, costituitasi in Cisl Romagna, superando la dimensione delle attuali tre province, il percorso di aggregazione si sta orientando nella medesima forma. Lega Coop prima e Confindustria dopo, hanno assunto un assetto in ambito romagnolo e, a quanto risulta,  altri corpi intermedi hanno iniziato  a sviluppare ragionamenti analoghi.

Non si comprende invece come mai il processo di accorpamento delle Camere di Commercio, sembra prefigurare un percorso avulso da tale contesto. Per il ruolo che le Camere svolgono, per le risorse di cui dispongono e potranno disporre, ma soprattutto per l'area geografica  di riferimento, qualsiasi assetto futuro, che non veda la partecipazione congiunta delle attuali strutture di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini, ad oggi risulta immotivato e non può che essere interpretato come la perdita di una grossa opportunità, con ricadute non positive per le aziende romagnole  e per lo sviluppo di un  territorio così come identificato dalla realtà dei fatti.

Per questo la Cisl Romagna auspica che il dibattito tuttora in corso affronti seriamente, con trasparenza e nel merito,  quegli ostacoli di  natura politica, che rischiano di pregiudicare un  percorso che deve avere come unico interesse la reale individuazione ed il concreto perseguimento del miglior vantaggio per i nostri territori.

In tal senso impegna tutti i soggetti interessati, affinché si produca il massimo sforzo per determinare quelle condizioni necessarie ad un dibattito davvero costruttivo e volto al conseguimento del miglior risultato utile per la Romagna e per i suoi cittadini.  
                                
Segreteria Cisl Romagna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento