rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Economia

Camera di Commercio, l'imprenditore: "Il candidato che ha rotto l'unità del tavolo dovrebbe fare un passo indietro"

"La Camera di Commercio di Romagna deve avere un presidente imprenditore, espressione delle associazioni di categoria che costituiscono il tessuto e l'ossatura dell'ente"

Continua a tenere banco il caso della Camera di Commercio della Romagna. Il candidato presidente Carlo Battistini, ex vicesindaco di Cesena, ha spaccato l'unità del tavolo, con la Confcommercio di Cesena e Forlì in aperta frattura con le altre associazioni di categoria. Prende la parola con una lettera Maurizio Petracci, imprenditore cesenate: "La Camera di Commercio di Romagna deve avere un presidente imprenditore, espressione delle associazioni di categoria che costituiscono il tessuto e l'ossatura dell'ente. Questa la mia opinione di imprenditore libero, che pensa con la sua testa, molto colpito negativamente per quello che sta succedendo a proposito della elezione del presidente. Con dispiacere  noto e in tanti notiamo che ci sono logiche politiche pronte a prevalere con le associazioni dell'artigianato che hanno proposto un candidato che non rappresenta le imprese. Assurdo, per me".

Prosegue Petracci, che sposa in toto la linea di Confcommercio Cesenate: "Con tanti amici imprenditori abbiamo commentato negativamente questo modo di fare non giusto, anche perché abbiamo imparato che che c'era un tavolo unitario che si era accordato per prendere una decisione nella quale tutti fossero d'accordo. Confcommercio di Cesena e Forli hanno fatto bene a ribellarsi a questa logica sbagliata e a contrastare una candidatura che non è frutto del patto che si era fatto. A mio avviso è molto grave e molto triste che ci siano associazioni che mettono prima queste logiche rispetto al bene delle imprese. Veramente molto avvilente appurare che non si ritiene che un rappresentante vero delle imprese possa guidare l'ente camerale e ciò offende la dignità delle imprese. Ma spero ancora in un ravvedimento perché la macchia sarebbe troppo grossa e non si riuscirà mai a dimenticare il torto subito. Chi è stato candidato rompendo l'unità del tavolo dovrebbe fare un passo indietro dimostrando che antepone il bene delle imprese a tutto il resto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Camera di Commercio, l'imprenditore: "Il candidato che ha rotto l'unità del tavolo dovrebbe fare un passo indietro"

CesenaToday è in caricamento