Cambia la normativa per l'etichettatura e la vendita dell'olio d'oliva: le novità

La Confesercenti Cesenate ricorda che la Legge 30 ottobre 2014, n. 161, contiene tra l'altro alcune previsioni relative ad aspetti ed a settori operativi di comune interesse per le imprese, la più importante delle quali si riferisce alla presentazione degli oli di oliva vergini nei pubblici esercizi

La Confesercenti Cesenate ricorda che la Legge 30 ottobre 2014, n. 161, contiene tra l’altro alcune previsioni relative ad aspetti ed a settori operativi di comune interesse per le imprese, la più importante delle quali si riferisce alla presentazione degli oli di oliva vergini nei pubblici esercizi. L’articolo 18 introduce infatti alcune correzioni alla disciplina vigente in materia di qualità e trasparenza della filiera degli oli di oliva vergini, precisando tra l’altro le indicazioni minime obbligatorie in etichetta:

“Gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei  pubblici esercizi, fatti salvi gli usi di cucina e di preparazione dei  pasti, devono essere presentati in contenitori etichettati conformemente alla normativa vigente, forniti di idoneo dispositivo di chiusura in modo che il  contenuto  non  possa  essere  modificato  senza  che la confezione sia aperta  o  alterata  e  provvisti  di  un  sistema  di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l'esaurimento  del contenuto originale indicato nell'etichetta”.


Quindi dal 25 novembre non sarà più consentito nei pubblici esercizi  presentare oliere con etichette artigianali o bottiglie rabboccabili. La violazione dei divieti sopra specificati comporterà l’applicazione di una sanzione amministrativa da € 1000,00  a € 8.000,00. La Confesercenti Cesenate comunica che attualmente, a quanto risulta, nessuna Autorità ha previsto o validato (e d’altra parte manca una apposita previsione normativa in merito) le caratteristiche dell’idoneo dispositivo di chiusura atto a impedire che il contenuto delle confezioni di olio possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata o del sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l'esaurimento del contenuto originale indicato nell'etichetta. Non appena dovessero esserci novità in merito gli uffici Confesercenti provvederanno a comunicarlo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

Torna su
CesenaToday è in caricamento