Bilancio in rosso a Bagno, il Comune mette a pagamento gli scuolabus e risparmia 50mila euro

Spiegano gli amministratori: “Questa decisione è stata presa considerando anche che la maggior parte degli altri comuni già da anni hanno messo a pagamento tale servizio e il contributo permetterà di ridurre i costi"

Foto tratta dal web

Il Comune di Bagno di Romagna per l’anno scolastico 2014/2015, richiede alle famiglie degli studenti della scuola dell’obbligo e della scuola dell’infanzia una contribuzione per l’erogazione del servizio di trasporto scolastico. Lo annunciano il sindaco, Marco Baccini e l'assessore Enrica Lazzari, in una nota: “ Tale scelta è stata necessaria per contenere il costo estremamente oneroso del servizio stesso, che va a incidere pesantemente sul bilancio comunale, nello specifico la spesa dei trasporti supera l’importo di 200mila (spese carburante, spese manutenzione mezzi, servizi di accompagnamento, retribuzione degli autisti)” .

Spiegano gli amministratori: “Questa decisione è stata presa considerando anche che la maggior parte degli altri comuni già da anni hanno messo a pagamento tale servizio e il contributo permetterà di ridurre i costi per circa 50mila euro per l’anno scolastico 2014/2015. Abbiamo valutato anche l’ipotesi di appaltare i servizi di trasporto scolastico ad altri enti, con la possibilità di ridurre ulteriormente la spesa, ma per quest’anno non risultava così vantaggiosa, una soluzione che potrà essere ripresa e approfondita in futuro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco quanto si spenderà: “Tuttavia, al fine di mantenere un servizio di qualità e ritenuto indispensabile per le famiglie, i cui orari lavorativi non sempre coincidono con quelli scolastici dei figli, l’importo richiesto sarà  una tariffa mensile di 22 euro per le famiglie dei ragazzi frequentanti le scuole dell’obbligo e le scuole dell’infanzia nell’abitato di S. Piero in Bagno e di Bagno di Romagna; una tariffa mensile di 18 euro per le famiglie frequentanti le scuole dell’obbligo e le scuole dell’infanzia residenti nelle frazioni del Comune. È sembrato opportuno differenziare le tariffe considerando la vastità del nostro territorio comunale (circa 233,44 kmq) con la presenza di importanti centri frazionali e case sparse, sottolineando l’importanza primaria dei trasporti scolastici per la popolazione interessata”, concludono sindaco e assessore.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Cesena usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento