Terme Sant'Agnese, ricavi e presenze in aumento: il 2017 si chiude con un utile di 117mila euro

. Il risultato sarà sottoposto all'approvazione dell'assemblea dei soci

Terme Sant'Agnese chiude il bilancio 2017 con un'utile di entodiciassettemila euro. Lo comunicano il presidente Elias Ceccarelli e l'amministrazione delegato Loris Corzani. Il risultato sarà sottoposto all'approvazione dell'assemblea dei soci. "Questo - commentano Ceccarelli e Corzani - è il terzo esercizio consecutivo in utile, in netta crescita e allineato a bilanci di oltre 10 anni fa in cui il mercato termale rappresentava una realtà sicuramente più florida, che ci permette di ritenere più che soddisfacente il lavoro svolto dagli amministratori e soprattutto dai dipendenti di Terme Santa Agnese, che ringraziamo fin da ora".

"Il risultato evidenzia un incremento dei ricavi del 7,58% e delle presenze di oltre il 10%, frutto degli investimenti nel settore promozionale e marketing tendenti alla diversificazione dell’offerta, alla realizzazione di campagne mirate anche su target e mercati differenti da quelli tradizionali - illustrano -. Proseguendo inoltre le azioni dedicate alla valorizzazione delle unicità ed eccellenze delle proprietà curative delle nostre acque, della storicità e dei servizi della nostra struttura termale alberghiera. L’incremento delle presenze di oltre 3.000 unità assume maggior rilievo a fronte del continuo calo delle presenze Inps registrate nel periodo, oltre 11.000 fino a circa 10 anni fa, 790 nel 2017".

"A riprova della bontà di alcune scelte portate avanti con convinzione in questi anni, prima fra tutte quella di non dimenticare mai la vocazione legata al “termalismo classico” di Terme Santa Agnese, vi sono stati i risultati esposti dal Coter (Consorzio Terme Emilia Romagna) nel corso dell’ultima assemblea dei soci tenutasi in data 15 maggio - viene illustrato -. In funzione dei quali, relativamente a fatturato e arrivi “convenzionati“ dell’anno 2017 sul 2016, Terme Santa Agnese risulta essere il secondo stabilimento in termini di incremento di fatturato e arrivi, il primo in termini di incremento arrivi extra regione, dato importante che testimonia il lavoro svolto al di fuori del bacino regionale.  Altri elementi positivi, sono rappresentati dall’aumento significativo dell’impiego del personale dipendente rispetto al precedente esercizio e dalle azioni di razionalizzazione e contenimento dei costi già avviate negli esercizi precedenti, che evidenziano un recupero di produttività ed efficienza". 

Continuano gli amministratori, rappresentando un andamento della stagione 2018 in linea con quella precedente, "anche grazie agli investimenti effettuati per la realizzazione di nuovi ambienti (Herbarium e Frigidarium) che completano il Percorso Termale Romano, fino alle azioni in corso per la valorizzazione delle proprietà alcaline delle nostre acque termali, anche nella cucina, nell’ambito di un percorso completo di benessere psicofisico. In ultimo, con particolare riferimento alla programmazione degli investimenti della società, preme evidenziare che è stato recentemente avviato il progetto per l’ampliamento del parco piscine termali, da ultimarsi nella stagione 2019".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento