menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bagno di Romagna, Confcommercio sull'area piscina ed ex vivaio: "Sbagliato decentrare"

"Crediamo sbagliata e contraddittoria l’idea di 'decentrare'in un momento storico tanto difficile. La desertificazione dei centri storici è sotto gli occhi di tutti"

La Confcommercio di Bagno di Romagna ritorna sul tema, già affrontato nel luglio dello scorso anno, che riguarda l’area piscina e vivaio. "Allora come adesso riteniamo che l’area oggetto dell’intervento sarà fondamentale per lo sviluppo del nostro territorio. Lo ripetiamo, sarà un’occasione unica.  Ed allora pur vedendo di buon grado il concorso nazionale non possiamo non farci alcune domande sugli indirizzi del documento cui i progettisti dovranno fare riferimento". Il pensiero del presidente Giuseppe Crociani.

"Primo punto. come dichiarato in più di una occasione ed evidenziato in passato dall’Amministrazione Comunale individuiamo nel documento Vias Animae la bussola della progettazione dello sviluppo turistico, e non solo, dei prossimi anni. Ci colpisce allora non vedere alcun riferimento a tale documento negli indirizzi progettuali. In tal senso, condividendo pienamente gli interventi susseguitisi in questi giorni del presidente della Confesercenti Pasquale Ambrogetti e di una parte della minoranza locale sull’importanza di una nuova piscina termale come volano del turismo di tutto il territorio comunale, non possiamo non mettere in evidenza che tale “installazione” era stata identificata al primo posto tra le esigenze per lo sviluppo nel documento Vias Animae".

"Una seconda osservazione riguarda la previsione, di fatto, di una “replica” di servizi già realizzati negli anni passati (con 3 campi sportivi polivalenti che hanno avuto esiti a dir poco sfortunati).  A tal proposito, se ci fosse un progetto di sviluppo e valorizzazione degli impianti che si andranno a realizzare sarebbe bene metterlo in evidenza, diversamente si rischierebbe di replicare gli errori del passato, quando, tra le altre cose i residenti nel nostro comune erano un numero maggiore. Terzo punto: ci riferiamo all’idea, come si legge nel documento, di rendere questo nuovo spazio centro aggregativo e “base per escursioni in bicicletta o a piedi/trekking e centro info turistiche parco urbano luogo di incontro socializzazione e relax” il tutto con annesso un nuovo bar/ristorante. Non condividiamo del tutto questa visione. Crediamo infatti che a fronte di servizi necessari per una migliore fruizione del territorio (spogliatoi doccia etc.) per ciclisti e trekker (sempre più spesso vediamo nei parcheggi ai margini dei centri abitati gruppi cambiarsi dietro le auto) bisognerebbe pensare a rendere i centri abitati più vivi".  

"La Confcommercio crede che la base di partenza debbano essere le piazze e più in generale i centri dei nostri paesi. Cosi come si è scelto, a nostro avviso giustamente, di mantenere le scuole all’interno dei centri abitati, ora crediamo sbagliata e contraddittoria l’idea di “decentrare” in un momento storico tanto difficile. La desertificazione dei centri storici è sotto gli occhi di tutti ed ogni azione deve essere volta al suo contrasto. Oltre alla buona azione messa in atto attraverso gli incentivi al fine di favorire il ripopolamento delle attività nei centri storici non dobbiamo dimenticare le attività esistenti; la tutela e lo sviluppo del lavoro deve essere al centro delle attenzioni. E’ chiaro che la sostenibilità di un progetto come quello che ci si appresta a portare avanti necessita obbligatoriamente di flussi economici importanti ed è proprio per questo motivo che riteniamo si debba approcciare il tema delle aree oggetto dell’intervento nella sua interezza. La complessità della cosa e l’impegno tanto importante di denaro pubblico, a nostro avviso, meritano un approfondimento, di cantieri aperti ce ne sono tanti, e questa è una cosa positiva, questo merita un’attenzione maggiore".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento