Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia

Cna, la sfida ai costruttori di camion: incontro al Polo Autotrasporto

Nelle sedi Cna gli autotrasportatori potranno firmare la convenzione per l’adesione all’azione collettiva e consegnare copia della documentazione comprovante l’acquisto degli autocarri

Cna Fita, nella sua azione di tutela degli interessi degli autotrasportatori, è stata la prima associazione di categoria in Italia che ha promosso un’azione collettiva di risarcimento contro il “cartello” illegale costituito dalle case costruttrici di autocarri, che è stato accertato e sanzionato dalla Commissione Europea con una multa di quasi 3 miliardi di euro. Per illustrare le modalità di questa iniziativa, è stato organizzato un incontro per sabato alle ore 11 nella sede della societò cooperativa  Polo Autotrasporto, via Del Commercio 359, a Pievesestina. Sono previsti interventi dell’avvocato Giovanni Scoccini, studio legale Giovanni Scoccini e associati e del professor Paolo Buccirossi, direttore dello studio economico Lear. L’incontro sarà coordinato da Daniele Battistini, presidente Cna Fita Forlì-Cesena.

"L’azione collettiva promossa da CNA Fita è aperta a tutte le imprese che hanno acquistato, preso in leasing o noleggiato a lungo termine autocarri di oltre 6 tonnellate di diverse case costruttrici, immatricolati tra il 1997 e il 2013 - afferma Battistini -. Gli associati Cna possono partecipare all’azione collettiva senza anticipare spese legali. L’azione collettiva ha l’obiettivo di facilitare l’accesso alla giustizia delle piccole e medie aziende e, in particolare, di quelle artigiane, che potrebbero non avere le competenze e le risorse per agire individualmente, in un giudizio complesso come questo, per il risarcimento dei danni derivanti da una violazione delle norme antitrust".

"L’azione collettiva, che punta a tutelare collettivamente l’interesse degli autotrasportatori e far ottenere a ciascuno di essi il rimborso per il danno effettivamente subito, è prevista dal nostro sistema giuridico. Il vantaggio dell’azione collettiva è nella riduzione dei costi e nella protezione da eventuali comportamenti ritorsivi da parte delle imprese responsabili dell’illecito anticoncorrenziale, che hanno una forza economica molto maggiore rispetto ai singoli autotrasportatori - conclude Battistini -. L’entità del risarcimento spettante a ciascun acquirente di autocarri non può essere allo stato esattamente quantificata, indicativamente si può affermare che il sovraprezzo medio causato dai cartelli si aggira intorno al 20% del prezzo del camion acquistato nel periodo di vigenza dell’accordo illecito. I soggetti interessati ad aderire potranno recarsi nelle sedi territoriali di riferimento della Cna di Forlì-Cesena per avviare la pratica di risarcimento. Nelle sedi Cna gli autotrasportatori potranno firmare la convenzione per l’adesione all’azione collettiva e consegnare copia della documentazione comprovante l’acquisto degli autocarri. La raccolta delle adesioni si protrarrà per tutto il mese di novembre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cna, la sfida ai costruttori di camion: incontro al Polo Autotrasporto

CesenaToday è in caricamento