L'azienda non paga i dipendenti? Il Comune sborsa gli stipendi

Tutelare il personale dipendente delle aziende che prestano servizi per conto del Comune di Cesena, assicurando loro le rispettive retribuzioni in caso di ingiustificati ritardi

Tutelare il personale dipendente delle aziende che prestano servizi per conto del Comune di Cesena, assicurando loro le rispettive retribuzioni in caso di ingiustificati ritardi di pagamento da parte delle ditte appaltatrici.  Il Comune provvederà direttamente alle retribuzioni dei lavoratori, trattenendole le somme corrispettive dai pagamenti in corso all’azienda, qualora permanga una situazione di ritardo immotivato

Questo l’obiettivo di un’importante delibera a tutela dei lavoratori approvata nei giorni scorsi dall’Amministrazione Comunale di Cesena che, raccogliendo le indicazioni relative al Regolamento di attuazione del Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture contenute nel Decreto del Presidente della Repubblica n° 207/2010, prevede la realizzazione di un intervento sostitutivo del Comune di Cesena in caso di inadempienze retributive dell’appaltatore.

“In un momento così delicato dal punto di vista economico, le cui conseguenze negative gravano soprattutto sulle famiglie e su coloro che hanno redditi più bassi, – sottolineano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore al Lavoro Matteo Marchi – abbiamo scelto di tutelare con misure speciali i lavoratori dipendenti. In particolare, alcune clausole inserite nei capitolati e nei contratti stipulati con ditte appaltatrici per lavori, servizi e forniture stabiliranno che, in caso di ritardo nel pagamento delle retribuzioni del personale dipendente da parte dell’appaltatore o dei sub-appaltatori, il Comune provvederà direttamente alle retribuzioni dei lavoratori, trattenendole le somme corrispettive dai pagamenti in corso all’azienda, qualora permanga una situazione di ritardo immotivato”.

Allo stesso tempo, a tutela dell’impresa appaltatrice, l’Amministrazione Comunale ha previsto che in presenza di un’irregolarità del DURC (Documento unico di regolarità contributiva) dell’impresa dovuta a contratti diversi da quello siglato tra con il Comune di Cesena, quest’ultimo potrà procedere alla liquidazione delle somme eventualmente trattenute in corso di esecuzione del contratto.

 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento