Autotrasporto nella mira delle associazioni criminali, "Resti alta l'attenzione"

"Come CNA FITA Forlì-Cesena non ci accontentiamo più di denunce e auspichiamo che il prezioso e faticoso lavoro di indagine che ha portato a questo importante risultato non rimanga un fatto isolato"

A scanso di equivoci chiariamo subito che l’ennesima ondata di arresti fra gli operatori dell’autotrasporto cesenate non ci trova per nulla stupiti: sono mesi che denunciamo insieme alle altre Associazioni di categoria dell’autotrasporto locali che il marcio ha trovato terreno fertile nel nostro territorio”. Lo afferma Daniele Battistini, Presidente Cna Fita Forlì-Cesena. “Nelle giornate del fermo messo in piedi dai “soliti noti”, ci eravamo sbilanciati parlando di imprese ostaggio di qualche poco di buono e di infiltrazioni mafiose nel nostro territorio”.

“Ora ci si indigna se le imprese che fanno i prezzi della piazza locale, con la squallida connivenza della committenza, siano proprio quelle che immatricolano mezzi rubati, probabilmente non pagano i contributi dei dipendenti e magari hanno anche una contabilità un po’ “allegra”. - continua Battistini - Come CNA FITA Forlì-Cesena non ci accontentiamo più di denunce e auspichiamo che il prezioso e faticoso lavoro di indagine che ha portato a questo importante risultato non rimanga un fatto isolato, vista l’ampiezza del fenomeno”.

La Fita propone alcune soluzioni tra cui la prima è quella di “istituire presso la Prefettura di Forlì-Cesena un tavolo permanente composto dalle Associazioni, dai Sindacati, dalla DTL e dalle Forze dell’Ordine che periodicamente operi un monitoraggio del territorio; in secondo luogo, nei confronti di tutte le imprese di trasporto provenienti da altre regioni d’Italia che lavorano quasi esclusivamente nella nostra provincia, che mantengono l’iscrizione alla CCIAA di provenienza, ed omettono qualsiasi tipo di comunicazione alla CCIAA di Forlì-Cesena, prevedere la chiara definizione che la competenza ai fini normativi sia della CCIAA di Forlì-Cesena e ai fini ispettivi sia della DTL di Forlì-Cesena, (il territorio ove le imprese succitate hanno sede effettiva); la rigorosa applicazione delle sanzioni per la responsabilità concorsuale nella filiera del trasporto, ai sensi della Legge 286/05, per le infrazioni commesse dai vettori, in modo tale che ogni operatore del settore prima di affidare viaggi a chiunque al maggior ribasso sia consapevole del rischio che corre se non vengono rispettate le regole; ed infine il rispetto nei contratti di trasporto dei “costi minimi di esercizio”, così come previsto ai sensi dell’art. 83-bis legge 133/08”.






 
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento