rotate-mobile
Economia

Patrignani rieletto presidente Confcommercio: aumentano gli iscritti all'associazione

"Una giunta in continuità con quella uscente - rimarca il presidente Patrignani - a riprova che Confcommercio in questi anni ha rappresentato degnamente le imprese"

Augusto Patrignani, 62 anni, è stato rieletto presidente di Confcommercio Imprese per l'Italia cesenate. Della nuova giunta direttiva per il mandato quinquennale 2015-2020 fanno parte Alverio Andreoli, Giancarlo Andrini, Emiliano Rossi, Egisto Dall'Ara, Angelo Malossi, Pietro Babini, Francesco Tomasini e Giulio Ambrosini. La giunta è stata eletta all'unanimità nella prima riunione del nuovo consiglio direttivo. Giulio Ambrosini ha preso il posto di Edgardo Ricci. Direttore Giorgio Piastra e vicedirettore Alberto Pesci.

"Una giunta in continuità con quella uscente - rimarca il presidente Patrignani - a riprova che Confcommercio in questi anni ha rappresentato degnamente le imprese, da associazione libera che mette sempre al centro le esigenze di chi fa impresa e contribuisce allo sviluppo e alla crescita del territorio. Infatti abbiamo anche aumentato gli iscritti, oltre 2.100, e abbiamo la soddisfazione di avere giovani che aprono l'attività scegliendoci come partner d'impresa. Siamo una squadra affiatata e coesa, dirigenti e staff".

"Il rinnovo delle cariche - sottolinea Patrignani -  è stato un processo partecipato di democrazia interna con 36 assemblee e l'elezione di 83 consiglieri. I nostri consigli sono  presenti in tutti i Comuni del  territorio, abbiamo il Gruppo Giovani , Terziario Donna e a Cesena sono stati eletti anche i  dodici presidenti di quartiere per coprire con la rappresentanza l'intero territorio, dalla periferia al centro". 

"Abbiamo scelto subito appena eletti di indossare magliette con gli slogan dei punti qualificanti del mandato - tiene a sottolineare Patrignani - : difendiamo le imprese, meno tasse più lavoro e meno burocrazia più sviluppo. Sono queste le direttrici per rendere il territorio cesenate più favorevole a chi crea imprese turistiche, commerciali e del terziario. A parole i nostri amministratori si dicono d'accordo con questi assunti, ma nei fatti i provvedimenti ancora latitano, a partire da un carico fiscale troppo gravoso e penalizzante. Quello che serve a monte è un salto culturale, che consiste nell'affermare la centralità delle piccole imprese spina dorsale del nostro territorio e di adottare provvedimenti conseguenti attraverso politiche a favore delle imprese in tutte le declinazioni possibili. Questo diremo e chiederemo a tutti gli interlocutori nei 15 Comuni, di cui Confcommercio è stata, è e continuerà ad essere interlocutrice costruttiva. Questa nuova giunta rimarca fin da subito che l'esigenza che per la partita dello sviluppo è fondamentale che la Romagna sia più forte, coesa e integrata e che le iniziative concrete in questa direzione saranno da noi accolte favorevolmente".

"L'elezione della nuova giunta - conclude Patrignani - avviene nel 70° della nostra confederazione. Anche a Cesena subito nel dopoguerra si costituì la Confcommercio, che è radicatissima nel nostro territorio: siamo la prima organizzazione italiana di rappresentanza di commerci, turismo e terziario  ed è un grande orgoglio per tutti noi membri della nuova giunta farne parte e rappresentarla".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patrignani rieletto presidente Confcommercio: aumentano gli iscritti all'associazione

CesenaToday è in caricamento