Martedì, 15 Giugno 2021
Economia

Assemblea per l'incorporazione di CRC, il comitato protesta: "Difficoltà per i piccoli azionisti"

Difficoltà per gli azionisti che hanno scelto di non aderire all'Opa e di mantenere la proprietà delle azioni dell'ormai ex Cassa di Risparmio di Cesena

Difficoltà per gli azionisti che hanno scelto di non aderire all'Opa e di mantenere la proprietà delle azioni dell'ormai ex Cassa di Risparmio di Cesena. A protestare è il comitato dei risparmiatori per bocca di Davide Fabbri e Franco Faberi: “La nuova dirigenza della banca ha elaborato un piano anti-partecipazione, in vista dell'ultima assemblea dei soci di Cassa Risparmio Cesena, quella che deve votare l'importante fusione fra le due banche, e cioè l'incorporazione di CRC in Crédit Agricole Cariparma”.

 
E' prevista per martedì 19 giugno l'ultima assemblea dei soci-azionisti di Cassa Risparmio Cesena. Sostiene il comitato: “I nuovi banchieri francesi hanno messo in pratica alcune regole per ostacolare la partecipazione dei 3.300 azionisti all'assemblea di martedì 19 giugno al Carisport, dando scarsa pubblicità all'assemblea e pubblicando i documenti corposi sul progetto di fusione sul sito internet della banca solo il 12 giugno 2018, firmando i documenti con la data del 18 maggio 2018. Inoltre è stato scelto di tenere l'assemblea dei soci al mattino di un giorno lavorativo, quindi davanti ad una platea di pochissimi azionisti, rispetto ai potenziali 3.300”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assemblea per l'incorporazione di CRC, il comitato protesta: "Difficoltà per i piccoli azionisti"

CesenaToday è in caricamento