Artigiani protagonisti di 'Fare raccolta': scambiare i rifiuti con i buoni spesa

Ogni contenitore plastico che l’utente conferisce ha il valore di 10 centesimi ed ogni 30 centesimi viene rilasciato a chi favorisce questa raccolta uno scontrino spendibile nelle attività aderenti, fra cui anche le imprese artigiane iscritte a Confartigianato

Gli artigiani, pilastri dell'economia e della coesione sociale di Gatteo e del Rubicone, sono impegnati in prima persona come cittadini e imprenditori nel gioco di squadra del progetto 'Fare raccolta', presentato all’oratorio di San Rocco di Gatteo, tra i cui vari partner promotori risalta anche Confartigianato del Rubicone. "L'idea è semplice", esordisce Bruno Dellamotta, responsabile delegazione Confartigianato del Rubicone".

"Ogni contenitore plastico che l’utente conferisce ha il valore di 10 centesimi ed ogni 30 centesimi viene rilasciato a chi favorisce questa raccolta uno scontrino spendibile nelle attività aderenti, fra cui anche le imprese artigiane iscritte a Confartigianato - spiega Dellamotta -. Fare raccolta è un’iniziativa che coinvolge altre realtà nazionali e gli sconti potranno quindi essere usufruiti ad esempio durante le vacanze, fuori dei tradizionali confini territoriali".

"Confartigianato e le sue imprese da sempre sensibili alle buone pratiche ambientali hanno aderito con convinzione, anche perché il progetto Fare raccolta alimenta meccanismi premianti che favoriscono l’intera filiera economica e la coesione sociale della comunità, obiettivo molto importante specie in una fase prolungata di crisi economica e inoltre ottiene buoni risultati per quel che riguarda il marketing e la promozione anche nel canale delle rete", prosegue il responsabile delegazione dell'associazione del Rubicone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ogni attività, a sua volta, poi può decidere come gestire la proporzione di spesa, cioè qual è l’importo di acquisto per cui scatta lo sconto o addirittura cambiare il valore del buono, modalità più probabile per quelle attività che vendono beni che non si acquistano quotidianamente, come ad esempio mobili o elettrodomestici - conclude Dellamotta -. Per il Comune di Gatteo il costo dell'operazione è zero, e se il progetto prenderà corpo felicemente la città ci guadagnerà anche a livello sociale, il che non guasta: infatti il 10% degli introiti verrà investito in progetti sociali sul territorio in cui sono installate le macchine per la raccolta. Un cerchio che si chiude virtuosamente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento