rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Economia

Ambulanti, l'associazione: "La soppressione della fiera del 5 dicembre è una grave perdita"

"Non si devono  sopprimere i mercati e le Fiere ma pubblicizzarle di più anche da parte della stessa amministrazione"

L'Associazione SMAC (Storico Mercato Ambulante Cesena) interviene in risposta all'intervento di Fiva e Anva. "Siamo nati per collaborare assieme  all’amministrazione di Cesena ed anche alle attuali associazioni Fiva Confcommercio e Anva Confesercenti  visto che già sono presenti nel territorio e si confrontano con l’amministrazione. Siamo nati per dare voce  a quegli ambulanti che non si sentono più rappresentati da Fiva ed Anva. Il mercato Storico di Cesena  conta circa 230 ambulanti, abbiamo creato una nuova realtà proprio per dare voce agli ambulanti che  non si sentivano più rappresentati da queste associazioni storiche. SMAC nasce dall’impegno di liberi cittadini e credo che debba solo essere apprezzato  perché rendere sempre più attrattivo e bello il nostro mercato Storico di Cesena pubblicizzandolo in  maniera dovuta per attirare gente anche da fuori. Non si devono  sopprimere i mercati e le Fiere ma pubblicizzarle di più anche da parte della stessa amministrazione. Partiamo dal punto che il mercato soppresso non è un semplice mercato ma è una Fiera".

"La giornata  del 5 dicembre - prosegue l'associazione - viene chiamata mercato straordinario. Ma non è così. E’ una Fiera ed abbiamo una licenza decennale. Per avere questa licenza decennale abbiamo speso soldi per fare le domande, per partecipare ai  bandi Bolkestein, quindi abbiamo acquisito un diritto di parteciparvi almeno finché durano le concessione. Un diritto che noi abbiamo e un diritto non si toglie così facilmente. Noi dell’Associazione SMAC non abbiamo visto girare nessuno  che facesse un sondaggio per chiedere parere per queste Fiere di Natale, soprattutto vorremmo sapere con  quale criterio hanno chiesto agli ambulanti se si desiderava o meno partecipare a tutte e tre le Fiere di  Natale, visto che nessuna documentazione è stata presentata e sottoposta a giudizio degli ambulanti. Chi  ha deciso di togliere un diritto sulla base di suggerimenti? Con questa decisione si è pensato ai negozianti del centro di Cesena? Ai clienti  del mercato? La nostra Associazione è nata per tutelare lo Storico Mercato Ambulante Cesena, le fiere ed i mercati straordinari, perché il mercato è un bene della città, dei cittadini. Abbiamo  raccolto circa 400 firme tra negozianti, commesse, ambulanti e clienti perché la Fiera del 5 dicembre è un  diritto, e quando ci sono diritti, non si scende a compromessi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ambulanti, l'associazione: "La soppressione della fiera del 5 dicembre è una grave perdita"

CesenaToday è in caricamento