menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Artoni, la luce in fondo al tunnel: Fercam conclude la trattativa per l'acquisizione

Assieme al partner immobiliare Prelios si è aggiudicato la gara indetta dal Commissario Straordinario per la vendita della società nel frattempo andata in "amministrazione straordinaria"

Fercam, operatore logistico altoatesino a gestione familiare, che ha chiuso il 2018 con un fatturato di oltre 800 milioni di euro e un organico di 2.100 dipendenti diretti e di oltre 3.000 collaboratori indiretti, ha concluso la trattativa per l'acquisizione di Artoni. Assieme al partner immobiliare Prelios si è aggiudicato la gara indetta dal Commissario Straordinario per la vendita della società nel frattempo andata in "amministrazione straordinaria".

"Sebbene per noi significhi uno sforzo finanziario ulteriore, ci siamo resi disponibili a presentare l'offerta ottimale per l'intero gruppo, avvalendoci di un partner immobiliare che si occuperà degli immobili non idonei per la nostra attività”, commenta il presidente Thomas Baumgartner. L'operazione comprende 140 dipendenti dei 191 totali rimasti alle dipendenze e complessivamente 26 immobili di proprietà situati su tutto il territorio nazionale e oltre 1.500 unità di carico, principalmente casse mobili.

L'accordo prevede che la procedura si farà carico dei dipendenti non rientranti nell'acquisto e prevede inoltre che i dipendenti saranno inseriti in filiali Fercam a non più di 125 chilometri dall'attuale sede di lavoro. Non saranno riattivati altri siti Artoni oltre a quelli già affittati con il precedente affitto di ramo di azienda e le attività dei rimanenti siti Artoni saranno gestite da filiali Fercam.

"Abbiamo già chiesto ai sindacati un incontro per concordare le modalità di inserimento delle persone in Fercam e garantiremo ovviamente tutti i diritti acquisiti - specifica Baumgartner -. Rimane importante la concordata flessibilità geografica per garantire la necessaria efficienza onde assicurare  la competitività e conseguente sicurezza dei posti di lavoro anche in futuro. Sono sicuro che i sindacati agiranno con la necessaria responsabilità tenendo presenti anche le esigenze aziendali in considerazione delle difficoltà e turbolenze che caratterizzano il mercato del settore dei trasporti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento