Abbigliamento, Confcommercio: "Ripartenza ad andamento lento per il settore"

"Il 70% degli intervistati ha infatti dichiarato una diminuzione superiore al 20%, e fra questi addirittura il 45% una diminuzione superiore al 40%"

Abbigliamento, ripartenza ad andamento lento. Federazione Moda Italia  in collaborazione con Confcommercio cesenate e Federmoda cesenate, ha monitorato, attraverso la somministrazione di un questionario, l’andamento della prima settimana di riapertura dei negozi del settore moda, confrontando i dati con lo stesso periodo dell’anno precedente. Hanno risposto alcune decine  del comprensorio forlivese, rappresentativi al 63% del settore abbigliamento, intimo, sport, al 18% calzature e accessori, al 19% altri beni della persona. 

"Si segnala tanta voglia di ripartenza da parte dei commercianti del settore moda - rimarca il direttore Confcommercio Giorgio Piastra -: circa il 90% degli operatori ha infatti riaperto la propria attività dopo il via libera del 18 maggio, ma il percorso  verso la normalità appare complesso e  faticosa. I clienti entrati in negozio sono risultati molte meno rispetto all’analogo periodo di un anno fa, anche se discreta è stata la propensione all’acquisto, segno che chi è andato, era intenzionato a concludere l'operazione commerciale. La nota dolente si ricava tuttavia dal confronto fra gli incassi: il 70% degli intervistati ha infatti dichiarato una diminuzione superiore al 20%, e fra questi addirittura il 45% una diminuzione superiore al 40%.

“Le imprese sono ripartite con entusiasmo e voglia di fare dopo gli oltre due mesi di lockdown – dichiara Ivana Arrigoni presidente Federazione Moda Cesena  –ma come era prevedibile, si segnala  la forte diminuzione degli incassi rispetto allo scorso anno. L'approccio della clientela è d'altra parte positivo, nel senso che ci si rende conto che è possibile effettuare prove di capi e acquisti in condizioni di massima sicurezza. Gli imprenditori  rispettano in negozio scrupolosamente le regole a tutela della salute di ogni persona, nell'ottica di un rapporto pienamente fiduciario, con tutte le necessarie forme di igienizzazione e sanificazione dei capi, e gli opportuni distanziamenti”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Rispetto alle prescrizioni imposte dai protocolli sanitari, non sono state rilevate particolari problematiche con la clientela: più del 40% non ha avuto alcuna difficoltà, meno del 20% la clientela “indisciplinata” di cui il 7% senza mascherina, solo il 13% i clienti diffidenti. Solo il 4% ha avuto problemi nel gestire la fila fuori dal negozio. Circa il 50% degli intervistati ha riaperto proponendo sconti alla clientela, generalmente di una consistenza fra il 20 ed il 30%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento