Da Longiano agli States: fondo americano rileva il 100% di Suba Seeds

Completata l’operazione di investimento del fondo di Private Equity U.S.A. Paine&Partners, specializzato nel settore agroalimentare, nella storica azienda romagnola oggi player di eccellenza, riconosciuto a livello globale come leader nella selezione, produzione e distribuzione di sementi vegetali.

Suba Seeds Company, l'azienda longianese fondata dal cavalier Augusto Suzzi, riconosciuta a livello globale come leader nella selezione, produzione e distribuzione di sementi vegetali, passa nelle mani degli americani di Private Equity U.S.A. Paine&Partners, che hanno rilevato il 100% del capitale azionario. L’operazione - per quanto riguarda il supporto finanziario - è stata curata da UniCredit e UniCredit Corporate & Investment Banking nei ruoli di Global Coordinator, Agent e Banca Finanziatrice ed organizzatrice di un pool composto da UniCredit ed altri 3 Istituti Bancari, con più linee di credito erogate in varie forme tecniche per oltre  50 milioni di euro.

“Questo è un esempio di eccellenza in ambito industriale e finanziario – spiega Livio Stellati, responsabile Area Commerciale Romagna UniCredit – che consente al nostro territorio di qualificarsi ancora una volta come “fucina di eccellenze” e di qualità sul panorama non solo nazionale ma internazionale. Ed è proprio in quest’ottica di profonda vicinanza ai territori e contemporaneamente di propensione ai mercati esteri che il Gruppo UniCredit ha messo a disposizione tutte le proprie competenze distintive al fine di avvicinare tale realtà al panorama internazionale fungendo da anello di congiunzione con il fondo Paine e lo stesso sistema bancario italiano, al fine di rendere possibile questo importante investimento sul nostro territorio a beneficio di tutta la filiera”. 

Dal 2012 ad oggi il Gruppo Suba ha circa raddoppiato il suo fatturato che, nel 2015, si è attestato ad 66,2 milioni di euro(generato per circa il 66% dalle vendite nei mercati esteri). Con un Ebitda di  8,2 milioni di euro è certamente azienda di successo, al centro della catena del valore dei semi vegetali e distribuzione di prodotti sia in ambito professionale che B2B. L'azienda conta più di 200 posti di lavoro a tempo pieno ed opera attraverso tre siti di produzione dislocati in posizione strategica in Italia, Stati Uniti e Francia; coordina una vasta rete di contratti con 1.400 coltivatori indipendenti di tutto il mondo.Le parole in proposito di Marcello Tumedei, amministratore delegato di Suba, sono utili a comprendere come l’azienda sia oggi ritenuta un worldwide leader: “Suba ha sviluppato negli anni una incomparabile reputazione grazie alla sua riconosciuta capacità di soddisfare le esigenze dei clienti attraverso le sue sementi di alta qualità ed elevata efficienza produttiva”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

  • Il Covid continua ad uccidere nel Cesenate: 5 morti e 132 nuovi contagi

  • Disobbedienza civile dei ristoranti, apertura nonostante il blocco: anche a Cesena la protesta

Torna su
CesenaToday è in caricamento