Economia

Take away rivoluzionario, il nuovo locale lancia il pasto auto-riscaldante che interessa anche il Vaticano

La vocazione maggiore è quella di vendere e fare da punto di riferimento di un metodo rivoluzionario nell'ambito del take away dietetico

Piatti autoriscaldanti senza glutine. E' questa la novità che si può trovare in via Cesare Battisti a Cesena nel negozio-caffetteria, inaugurato sabato pomeriggio, dal nome "Naima non solo caffè". E' una caffetteria molto particolare perché oltre a fare il caffé e servire una brioche, la vocazione maggiore è quella di vendere e fare da punto di riferimento di un metodo rivoluzionario nell'ambito del take away dietetico.

Praticamente Naima Abdellaoui, che ormai vive a Cesena da vari anni e che ha aperto il locale insieme a Piero Lombardini, noto immobiliarista di Cesena, è la rivenditrice autorizzata per l'Emilia Romagna, e non solo, del metodo "Reddi Hot", il primo pasto autoriscaldante senza glutine costituito da alimenti di qualità, privo di conservanti, pronto in 12 minuti e che si può mangiare in qualsiasi posto senza utilizzare l’uso di fonti di calore. Non necessita di conservazione a freddo per 12 mesi ed è realizzato con ingredienti esclusivamente italiani e senza glutine, secondo ricette della tradizione italiana. Il metodo, messo a punto già in America molti anni fa, per l'esercito o per chi è costretto a lavorare in situazioni di disastro, sta prendendo piede anche in Europa. Gli alimenti sono confezionati in doppio e circondati da una sacca riscaldante o “vescica”.  Quando viene toccato un pulsante si crea all'interno della vescica una reazione esotermica. Nel giro di pochi minuti l’acqua si riscalda a circa 85 gradi. Dopo circa 12 minuti il cibo è pronto da mangiare e completamente riscaldato. "Questo metodo, il Reddi Hot, è stato inventato in Svizzera - spiega Piero Lombardini - ed è del tutto naturale. La cosa interessante è che sono tutte pietanze senza glutine ma gustosissime. Abbiamo le seppie coi piselli, i maccheroni, le lasagne, le zuppe, le polpette. Piatti che piacciono agli italiani, dieteticamente calibrati, ideali per chi è intollerante al glutine e consumabili caldi ovunque, in ufficio, in treno, al mare, a casa, in auto..."  

E' un metodo che sta destando interesse da più parti. A Milano, infatti, le farmacie hanno già fatto un accordo con l'azienda rivenditrice italiana che si trova a Spello (a Perugia) per tenere il prodotto sui loro scaffali. Stessa cosa per la grande distribuzione e il Vaticano. "Proprio l'altra settimana ho incontrato l'avvocato di Papa Francesco in azienda, a Spello - racconta Piero Lombardini - perché il Vaticano è interessato a diffondere questo tipo di mangiare nei convitti e quindi vorrebbe trovare un accordo con noi. Stessa cosa un colosso della grande distribuzione".

"Tra l'altro l'inventore di questo metodo - spiega Naima - vuole soddisfare tutte le culture culinarie. E così sta preparando gli stessi piatti autoriscaldanti con pietanze che mangiano gli islamici, cous cous, carne halal. Così per le pietanze tipiche americane, indiane..." 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Take away rivoluzionario, il nuovo locale lancia il pasto auto-riscaldante che interessa anche il Vaticano

CesenaToday è in caricamento