Agriturismi e vendita d'asporto, Confesercenti: "Favorisce la concorrenza sleale"

"Concorrenza sleale con i pubblici esercizi e le attività della somministrazione già provati dalla crisi economica"

Una modifica alla legge regionale del 2009 che favorisce la concorrenza sleale: così Confesercenti Cesenate esprime la sua contrarietà rispetto alla nuova norma che autorizza gli agriturismi e le aziende agricole alla vendita d’asporto, anche con consegna a domicilio. "Se si introduce questa modifica – spiega Davide Ricci responsabile Fiepet-Confesercenti Cesenate –  si equipara, di fatto, l’agriturismo ai pubblici esercizi e alle attività della somministrazione che oltre a subire le conseguenze dovute alle norme riguardanti il Covid19 (ricordiamo che sono stati tra i primi settori a essere stati limitati e, successivamente chiusi, e gli ultimi a riaprire, mentre tutta la filiera alimentare ha continuato a lavorare anche con incrementi dei fatturati), non dispongono delle agevolazioni di cui beneficiano invece gli agriturismi e le aziende agricole (contratti di lavoro meno onerosi, tenuta contabile semplificata, iva ridotta, TARI meno cara, regole igienico-sanitarie e urbanistiche meno stringenti ecc…)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Se gli agriturismi possono fare quello che può fare un ristorante – sottolinea Silvia Bragagni, presidente Fiepet Confesercenti Cesenate – allora devono avere non solo "onori", ma anche gli "oneri" dei pubblici esercizi. Vanno sostenute tutte le attività, tenendo però conto delle loro diverse peculiarità: se le regole sono giuste per tutti si evitano inutili conflitti tra pubblici esercizi, agriturismi e aziende agricole: l’obiettivo è non creare disparità nocive e allo stesso tempo permettere a tutti di lavorare, senza “barare”». "In questo momento così difficile per tutto il mondo del commercio -  continua Ricci – la concorrenza sleale rischia di compromettere in particolar modo le attività di ristorazione a conduzione famigliare, tipiche dei nostri territori e soprattutto delle aree montane. Facciamoci una domanda: perché notiamo un continua apertura di nuovi agriturismi da parte di tanti imprenditori che prima non erano agricoltori? Che siano diventati tutti amanti della terra e dei suoi frutti? Oppure i vantaggi fiscali rispetto all’apertura di un pubblico esercizio è la molla principale per decidere di intraprendere un’attività di agriturismo? Ricordiamo che nel settore dei pubblici esercizi una impresa su tre registra un calo di oltre la metà del fatturato, e il 21,8% - oltre due attività su dieci - temono la chiusura. Per questo motivo è importante non creare ulteriori difficoltà ad un settore che secondo le stime rischia di vedere a fine anno la chiusura di numerose attività".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento