Cesuola, al via nel 2015 i lavori di messa in sicurezza del sistema fognario

A darne notizia è l’assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi nella comunicazione predisposta per rispondere all’interpellanza sulla tombinatura del torrente Cesuola presentata dal consigliere di Libera Cesena Gilberto Zoffoli

Il Comune di Cesena sta lavorando per installare, nei primi mesi del 2015, una serie di valvole di ritenuta per il trattamento degli scarichi di acque bianche: questo servirà a dare maggiore sicurezza contro eventuali ritorni di flussi idraulici verso scantinati e altri locali posti al di sotto del piano di campagna. A darne notizia è l’assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi nella comunicazione predisposta per rispondere all’interpellanza sulla tombinatura del torrente Cesuola presentata dal consigliere di Libera Cesena Gilberto Zoffoli.

L’assessore specifica che questo intervento è in ottemperanza a quanto previsto nel ‘Disciplinare di concessione’ (datato 2013) con il quale il Comune ha assunto “le competenze e le relative responsabilità in merito alla manutenzione ordinaria e straordinaria idraulica e delle strutture del manufatto,  all’utilizzo dell’estradosso della struttura per fini pubblici, con divieto di sub concessione, e all’adeguamento degli scarichi pubblici esistenti”. Restano escluse, invece, quelle parti su cui sono realizzati edifici e strutture private: per esse il Servizio Tecnico di Bacino terrà i rapporti con le proprietà.

Anche per quanto riguarda gli scarichi pubblici esistenti, la competenza del Comune è solo parziale e riguarda solo le acque bianche, mentre per gli scarichi di acque miste la competenza è dell’ente gestore del servizio idrico integrato (attualmente Atersir) che vi provvede tramite l’attuale gestore (Hera). Per quest’ultimo aspetto, il comune di Cesena ha segnalato da tempo la necessità di adeguamento degli scarichi di fogna mista pubblica nel torrente Cesuola, richiedendo ed ottenendo l’inserimento nel programma di interventi di Atersir di una specifica voce con la quale al momento è possibile finanziare uno studio preliminare e/o di fattibilità, n modo da presdisporre oltre che una ipotesi di soluzione definitiva, anche il programma degli adeguamenti come richiesto. Fra le richieste avanzate dal consigliere Zoffoli c’è anche quella di conoscere quali interventi siano stati programmati per prevenire il rischio in caso di eventuali piene del corso d’acqua. A questo proposito, l’assessore Miserocchi ricorda che le competenze per la prevenzione di tali rischi sono del Servizio Tecnico di Bacino (oltre che, eventualmente, della protezione civile).

“Lo stesso Servizio Tecnico di Bacino, da noi interpellato – riferiscono il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore Miserocchi -  segnala che, oltre alle manutenzioni e alle pulizie programmate dell’alveo, sta valutando interventi più strutturali. E dato che nel tratto urbano non è possibile agire con interventi tali da modificare l’attuale regime idraulico, per aumentare la sicurezza occorre programmare opere di sistemazione idraulica nel tratto a monte della tombinatura, in modo da favorire la "laminazione naturale o artificializzata" verso i campi. Altro aspetto da considerare è che, mentre nel tratto tombinato la maggiore regolarità del fondo previene la formazione di accumuli, nel tratto a cielo aperto del Cesuola si depositano consistenti quantitativi di limo. Per ovviare a questo problema, si pensa all'introduzione di cosiddette "piazze di decantazione" (una delle quali già realizzata): in pratica, si tratta di realizzare meandri in modo da rallentare la velocità dell'acqua e consentire il deposito del limo più a monte. Sarà la Regione Emilia – Romagna a finanziare almeno parte di questi interventi e nel "Piano degli interventi 2014-2020" sono previsti stanziamenti che possono essere utilizzati a questo scopo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

Torna su
CesenaToday è in caricamento