Violenze, offese e minacce di morte ai genitori: disposto il carcere

Sono stati gli stessi genitori ad allertare la Polizia, che già in passato era dovuta intervenire per contenere le sfuriate del giovane

E' stata decisa la permanenza in carcere, la misura cautelare più drastica, per un giovane di 28 anni che la scorsa settimana, nella zona di via Savio, si è scagliato violentemente contro i genitori. Sono stati gli stessi genitori ad allertare la Polizia, che già in passato era dovuta intervenire per contenere le sfuriate del giovane, con problemi di tossicodipendenza alle spalle. Pur alla presenza dei poliziotti, il figlio violento ha continuato a scagliarsi in particolare contro la madre, con offese di ogni tipo e minacciandola di morte. Per questo sono scattate le manette, per i reati di maltrattamenti in famiglia e minacce. Visti i precedenti interventi e le esigenze di tutelare i famigliari dalle escandescenze del giovane, il giudice ha disposto la sua permanenza in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento