Violenza sulle donne, flash mob in piazza e panchina rossa

Negli ultimi vent'anni sono state 12 le donne uccise in modo violento a Cesena, e, purtroppo, non si tratta solo di una statistica che deve far riflettere

Negli ultimi vent'anni sono state 12 le donne uccise in modo violento a Cesena, e, purtroppo, non si tratta solo di una statistica che deve far riflettere. Dietro a quel numero, che è comunque molto alto, ci sono donne con una storia, tanti sogni e altrettante paure che, purtroppo, non hanno potuto nulla contro la follia cieca dei loro ex mariti, fidanzati o compagni gelosi. Oggi pomeriggio a queste dodici donne l'associazione cesenate "Ipazia Liberadonne" ha ridato la parola. Dietro a 11 sagome collocate in piazza del Popolo (11 perché la piccola Michela Predi, figlia di Maria Carla Piraccini, entrambe uccise per mano di Massimo Predi, rispettivamente padre e marito, è stata inserita in quella della madre)una donna coperta col velo nero, raccontando la sua storia, ha urlato il dolore e l'ingiustizia di cui è stata vittima.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un flash mob che ha impressionato e catturato l'attenzione di tanti cesenati passati di lì per caso. Poco più in là, in piazza della Libertà, l'assessore Carlo Verona e l'assessora Chicca Labruzzo hanno inaugurato la prima delle panchine rosse, proposte dal movimento femminile nazionale in occasione della giornata per l'eliminazione della violenza contro le donne. "E' la prima di 12 panchine che installeremo nei parchi e in altri luoghi di Cesena. Una per ogni donna che, purtroppo, è stata uccisa negli ultimi 20 anni a Cesena - ha spiegato l'assessore ai diritti e alle politiche delle differenze Carlo Verona - Sono panchine recuperate e verniciate di rosso. Questa era nei magazzini del Comune e ora, grazie al Centro Donna, è qui a ricordare a tutti quelli che passano di rifiutare e non utilizzare mai la violenza. Nell'etichetta che abbiamo affisso nella panchina ci sono anche i numeri di telefono del centro donna nazionale e di quello locale. So che non basta una panchina a eliminare il drammatico fenomeno dalla società, ma è una forma di sensibilizzazione verso tutti, donne, ma soprattutto uomini". A corredo di questa iniziativa ci sono molte altre attività organizzate dal Centro Donna che proseguono fino a dicembre tutte all'insegna del "No alla violenza sulle donne". Già domani, domenica 24 novembre, oltre alla corsa di solidarietà, durante la partita dei "Tigers" verrà mostrato uno striscione con la scritta "E tu che uomo sei? Le sei accanto o sei contro di lei?”. Contestualmente le ragazze della Nuova Virtus Cesena saranno ospiti dei Tigers e  accompagneranno i giocatori in campo durante il protocollo della presentazione delle squadre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento