Cronaca

Violenta rapina sul taxi, cintura stretta al collo e pugni al tassista: arrestati due giovani

E' il grave episodio che si è concluso con l'arresto di due giovani, finiti in manette con l'accusa di rapina in concorso aggravata e lesioni personali

Una violenta rapina compiuta ai danni di un malcapitato tassista cesenate. E' il grave episodio che si è concluso con l'arresto di due giovani, finiti in manette con l'accusa di rapina in concorso aggravata e lesioni personali. Protagonisti della cattura gli uomini del Commissariato di Polizia di Cesena, guidato dal dirigente Nicola Vitale.

Lo scorso 9 aprile, in pieno lockdown, un operatore di "Radio Taxi" Cesena, poco prima delle 2 di notte ha ricevuto una telefonata da parte di un potenziale cliente.

Arrivato sul posto, il tassista ha trovato un giovane cliente in compagnia di un altro ragazzo, in via Emilia Ponente, in località Torre del Moro. I due hanno chiesto di essere portati a Sant'Egidio, uno dei due è sceso dal mezzo per parlare con una donna, poi risalito a bordo i due giovani hanno fatto vagare il tassista per diversi chilometri, senza una precisa meta. 

Ma arrivati in via San Colombano, è qui che è stato messo in atto il piano criminoso. Uno dei due ragazzi è sceso dal taxi posizionandosi all'altezza del finestrino del conducente, il complice si è sfilato la cintura stringendola con forza al collo del malcapitato tassista, urlando di consegnare i soldi.

Il tassista ha provato a difendersi e a liberarsi dalla morsa dei due, rimediando una serie di violenti pugni al volto. I malviventi si sono allontanati in fretta e furia con un bottino rappresentato da un telefono cellulare, un tablet e 50 euro in contanti. 

A stettissimo giro è iniziata l'attività di indagine degli uomini del Commissariato di Polizia di Cesena. Massiccia l'investigazione con l'escussione di vittima e testimoni, l'acquisizione di immagini di videosorveglianza, appostamenti e pedinamenti. Le indagini hanno permesso in breve tempo di rintracciare i due giovani, già noti alle forze dell'ordine: si tratta di un tunisino e di un bulgaro, entrambi di 24 anni.

Gli uomini del Commissariato di Polizia hanno rintracciato la dimora di uno dei due indagati, che alloggiava in un camper. Arrivati sul posto il padre ha riferito che il figlio aveva lasciato Cesena per una destinazione a lui sconosciuta. Gli investigatori, insospettiti dalla reticenza del padre, hanno deciso di approfindire la sua identificazione, ed è venuto fuori che su di lui pendeva un ordine di carcerazione per alcuni furti in abitazione commessi a Cesena. Per questo l'uomo è stato arrestato e portato in carcere a Forlì.

Nel frattempo gli agenti hanno proseguito la caccia serrata ai due rapinatori che sono stati scovati a cavallo tra i comuni di Lugo e Fusignano, nel Ravennate. Uno dei due aveva trovato rifugio a casa di alcuni connazionali. In breve tempo anche il secondo rapinatore è stato assicurato alla giustizia, per entrambi sono scattate le manette per rapina in concorso aggravata e lesioni personali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Violenta rapina sul taxi, cintura stretta al collo e pugni al tassista: arrestati due giovani

CesenaToday è in caricamento