menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viadotto Puleto, in aula la perizia sulla pericolosità del tratto: "Rischio in caso di sisma"

Nei giorni scorsi, infatti, è stata depositata la relazione del professor Vincenzo Laudazi (dell'Accademia navale di Livorno). Si tratta del secondo perito incaricato dallo stesso gip

Torna in aula la vicenda del viadotto Puleto. Le perizie sulle condizioni del lungo ponte che si distende sulla Valsavignone, tra Pieve Santo Stefano e la Romagna, saranno questa mattina al centro dell'udienza che sarà celebata dal giudice Giulia Soldini.

Nei giorni scorsi, infatti, come riporta Arezzo Notizie, è stata depositata la relazione del professor Vincenzo Laudazi (dell'Accademia navale di Livorno). Si tratta del secondo perito incaricato dallo stesso gip (all'epoca Piergiorgio Ponticelli) ad eseguire una perizia per rispondere ad alcuni dubbi che non avevano avuto ancora risposta. 

Dall'accertamento condotto da Laudazi, sarebbe emersa la pericolosità del viadotto, non tanto in condizioni ordinarie quanto in caso di eventi sismici. La struttura dunque sarebbe comunque a rischio. Conclusioni molto diverse rispetto a quanto rilevato dal primo perito incaricato - Claudio Modena dell'università di Padova - che nella sua relazione non avrebbe chiarito se al momento del sequestro del tratto di E45 da parte della Procura di Arezzo, ci fosse stato un pericolo reale. 

Quattro tecnici del compartimento toscano di Anas sono indagati: tra loro Antonio Scalamandrè, Rocco Oliverio e Massimo Pinellima. Un altro ingegnere il cui nome era iscritto sul registro degli indagati è invece morto questa estate, in un terribile incidente stradale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento