Vessava l'ex di 24 anni e le impedisce perfino di parlare con la Polizia: in manette

Vessava la compagna che lo aveva lasciato: appostamenti al posto di lavoro, incursioni sotto casa, offese: un tormento. Per questo un maghrebino di 34 anni è  finito in manette

Vessava la compagna che lo aveva lasciato: appostamenti al posto di lavoro, incursioni sotto casa, offese: un tormento. Per questo un maghrebino di 34 anni è  finito in manette domenica sera a Cesena per mano della polizia del Commissariato di Cesena. Quella sera infatti si è consumata l'ultima fatale sfuriata. Il 34enne si è portato sotto l'abitazione dell'ex compagna, maghrebina pure lei, dieci anni più giovane.

La ragazza lo aveva lasciato proprio per i suoi scatti di violenza ed era tornata a vivere con la famiglia circa due mesi fa.  Ma lui non si rassegnava e ha quindi chiesto l'incontro "chiarificatore", sotto casa. Ne è sorta l'ennesima sfuriata, con un impeto d'ira trattenuto a stento da un passante, in attesa dell'arrivo della pattuglia della polizia.  Neanche davanti alle divise delle forze dell'ordine il soggetto si è calmato ed anzi ha continuato ad inveire cercando perfino di impedire alla giovane di parlare con i poliziotti. 

A quel punto sono scattate le manette, compreso per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, per aver impedito il colloquio della vittima con gli agenti. Dopo la convalida dell'arresto, il giudice ha disposto per il 34enne violento la custodia cautelare in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

Torna su
CesenaToday è in caricamento