A Verghereto la mascherina è già obbligatoria: "Età media alta, è meglio prevenire"

Il sindaco: "In tutto abbiamo avuto 8 contagiati, di cui solo uno è stato ricoverato all'ospedale per una decina di giorni"

A Verghereto, dal 14 aprile, sono diventate obbligatorie le mascherine. Chi esce deve indossarla altrimenti, se pizzicato dalle forze dell'ordine, può essere passibile di una multa che parte dalle 400 euro in su. "La nostra è una comunità con un'età media alta e in cui, essendoci solo 1800 abitanti, ci si conosce tutti e si socializza molto - spiega Enrico Salvi sindaco di Verghereto - Viene normale andare a fare la spesa e magari fermarsi a fare due chiacchiere, quindi è meglio prevenire. Se tutti teniamo la giusta distanza e abbiamo la mascherina il problema si evita all'origine".

Ormai sono state distribuite a tutti, anche nelle località più sperdute del comune. "Ne abbiamo consegnate molte già da una ventina di giorni - spiega ancora Salvi - Abbiamo avuto la fortuna di avere un gruppo di donne di Alfero e Riofreddo molto attive ed esperte di sartoria che, insieme al laboratorio Nuovo Millennio, attualmente fermo, si sono messe a produrne. Ne hanno fatte più di duemila, poi altre 1500 ci sono state donate dal gruppo Ricci di San Piero in Bagno, poi ce ne sono arrivate altre 850 dalla Regione...Insomma ne abbiamo ancora parecchie. Tra l'altro sono tuttora in distribuzione nei negozi di generi alimentari".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A contagi come va? "In tutto abbiamo avuto 8 contagiati, di cui solo uno è stato ricoverato all'ospedale per una decina di giorni - continua il sindaco - Ora è tornato a casa ed è ancora in quarantena. Anche la casa di riposo che si trova nel nostro comune è sotto controllo e finora non sono stati trovati casi positivi né tra il personale né tra i pazienti. A Pasqua avevamo paura per la riapertura delle seconde case e invece tutte le feste si sono svolte all'insegna del rispetto per le disposizioni date dal governo. Devo dire che sono stati tutti veramente bravi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Coronavirus, due nuovi positivi sul territorio cesenate. Un decesso in Romagna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento