menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vendeva scarpe "Golden Goose" false sul web: gli acquirenti sanzionati di 200 euro

Nei confronti dei clienti è stata elevata una sanzione pari a 200 euro. Nel corso dell'attività sono state sequestrate 20 paia di scarpe con il marchio "Golden Goose"

Vendeva sul web scarpe "Golden Goose" contraffatte. Nel mirino della Guardia di Finanza della Compagnia di Cesena è finito un cesenate di 28 anni. I militari, in particolare, hanno riscontrato l’esistenza, all’interno di Facebook, di due pagine in cui venivano pubblicizzate e vendute le scarpe. Gli investigatori sono riusciti a ricostruire il meccanismo ideato dal venditore, il quale pubblicizzava sulle sue pagine i prodotti, spacciati per originali, postando foto di calzature autentiche e, dopo che le stesse venivano prenotate dai clienti attraverso il social network, le ordinava da un sito cinese facendole spedire direttamente agli acquirenti, previa corresponsione di un importo (160 euro al paio) maggiorato di circa il doppio rispetto al costo da lui realmente sostenuto.

Nel corso delle indagini, dall’incrocio dei dati della corrispondenza Facebook e degli estratti della carta Poste Pay del cesenate, sono stati individuati tutti i clienti che, tra il 2014 e il 2015, avevano ordinato a quest’ultimo i prodotti in questione. L’esame di tale documentazione ha permesso di identificare gli acquirenti dei prodotti contraffatti, nei cui confronti è stato avviato il procedimento di accertamento amministrativo. L’attività, che si è estesa in tutto il centro nord Italia, ha permesso di segnalare alle Prefetture territorialmente competenti 60 acquirenti di prodotti contraffatti e nei loro confronti è stata elevata una sanzione pari a 200 euro. Nel corso dell’attività sono state sequestrate 20 paia di scarpe con il marchio "Golden Goose" contraffatto, per un valore complessivo, sul mercato, di oltre 6.000 euro.

Il venditore è stato denunciato a piede libero, mentre le pagine Facebook sono state oscurate su ordine dell’autorità giudiziaria competente. "L’attività conclusa rappresenta un importante focus sull’evoluzione del mercato della contraffazione dei marchi nell’era “2.0” in quanto il giovane cesenate, con l’innovativo modus operandi da lui ideato, faceva soltanto da tramite, pubblicizzando le calzature e ricevendo solo gli ordinativi dagli acquirenti per poi far recapitare a questi ultimi il pacco contenente il prodotto desiderato - spiega la Finanza -. In tal modo, il venditore evita di crearsi “un magazzino” che potrebbe comportare ingenti rischi in occasione di una perquisizione delle Forze di Polizia e trasferisce tutto il rischio direttamente all’acquirente finale che potrebbe rischiare, in occasione di un’ispezione postale del pacco, anche una denuncia penale all’Autorità giudiziaria per commercio di prodotti contraffatti, con il sequestro della merce".

"Il commercio di prodotti contraffatti danneggia il funzionamento del mercato, penalizza gli imprenditori onesti e rappresenta comunque un rischio per i consumatori, convinti di aver acquistato prodotti originali che, invece, si ritrovano a possedere prodotti confezionati con materiale scadente ed, in alcuni casi, pericoloso per la salute - conclude -. Si tratta di condotte illecite che vengono contrastate dalla Guardia di Finanza a tutela delle attività economiche e dei consumatori". L’operazione di servizio della Compagnia di Cesena, infatti, rientra nel più generale programma, disposto dal Comando Provinciale di Forlì-Cesena, di intensificazione dell’azione di contrasto alla vendita di prodotti con marchi contraffatti, anche a mezzo internet.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento