Vandelli critica il 'Grande Fratello': "Telecamere servono solo se collegate alle forze di polizia"

Il segretario Usip: "Le telecamere di sorveglianza hanno un effetto deterrente solo se collegate a dispositivi di reazione immediata"

"Una cosa è la sicurezza, altra la percezione. La richiesta è chiara: i cittadini vogliono sentirsi più sicuri. La soluzione dei sindaci non ha evidenti riscontri scientifici, ma basta a dare una percezione di controllo del territorio. E pazienza se il prezzo da pagare, non solo in termini onerosi, è la rinuncia alla privacy. Il Grande Fratello è tra di noi. L’ossessione della video-sorveglianza è un misto tra la politica e un giro d’affari per chi lavora nei sistemi di sicurezza, che però non trova comparazione nei dati statistici". La riflessione è di Ugo Vandelli, segretario generale provinciale Forlì Cesena USIP (Unione Sindacale Italiana Poliziotti).

"Nessuno ci assicura - prosegue Vandelli - che i sistemi siano così protetti da non potere essere elusi dai criminali. Per fare un esempio tra i tanti, tempo fa sono state danneggiate diverse auto parcheggiate in strada dalle parti della stazione ferroviaria. C’erano le immagini delle effrazioni riprese da una telecamera posta nelle vicinanze ma le forze dell’ordine non hanno potuto utilizzarla a fini investigativi. Non dico che la video-sorveglianza non serve a nulla, ma come dimostrano svariati episodi queste telecamere hanno un effetto deterrente solo se collegate a dispositivi di reazione immediata. La video-sorveglianza ha un senso compiuto nelle tabaccherie, nelle banche, nelle farmacie. Ovvero in tutti quei luoghi che hanno un circuito collegato con le forze di polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sarebbe opportuno, invece, investire molto di più sull’illuminazione pubblica e nella cura dell’arredo urbano (attraversamenti pedonali inesistenti e/o invisibili; collegamenti tra piste ciclabili; degrado e/o incuria nei parchi pubblici, ecc...). Solo così si renderebbero determinati quartieri più sicuri e vivibili. Praticamente stiamo svendendo la nostra privacy in cambio del nulla o quasi. Le telecamere installate dai privati, dovrebbero mantenere le registrazioni al massimo per 48 ore, mentre in ambiente urbano il limite stabilito dal Garante è sette giorni. Sono sistemi a trasmissione remota. Nessuno però ci assicura che i circuiti siano così sicuri e non vi sia il rischio di essere hackerati dai criminali", conclude Vandelli.
   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata in città, azzecca la combinazione esatta: vince un milione con un euro

  • Tonina Pantani al Giro: "Si è celebrata solo la Nove Colli, sembra quasi che diamo fastidio"

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Coronavirus, nuova impennata di casi nel Cesenate: la mappa dei nuovi contagi

  • Coronavirus, nuova impennata di contagi: 23 casi nel cesenate e cinque decessi in regione

  • Violento scontro frontale sulla via Emilia, l'auto finisce nel fosso e traffico in tilt

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento