Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Cervese Nord / Vicolo Cesuola

Vandalo danneggia la statua degli Equilibristi, ma non fa i conti con le telecamere: denunciato

A fare le spese del suo stupido raid è stata la statua "Gli equilibristi", il pezzo più scenografico della galleria a cielo aperto delle opere di Leonardo Lucchi in vicolo Cesuola, dietro piazza del Popolo

Ha sfregiato uno dei simboli di Cesena, nonché uno degli angoli più caratteristici del centro cittadino. Alla fine la Polizia, con un lavoro paziente di ricostruzione delle immagini della videosorveglianza, però, è riuscita a dare un nome al vandalo. A fare le spese del suo stupido raid è stata la statua “Gli equilibristi”, il pezzo più scenografico della galleria a cielo aperto delle opere di Leonardo Lucchi in vicolo Cesuola, dietro piazza del Popolo.

L’azione vandalica è stata compiuta il 23 novembre scorso, quando quattro amici ubriachi intorno alle 21,30 hanno fatto visita al pittoresco vicolo non per visitarlo, ma per deturparlo. Ad accorgersi che qualcosa non andava è stato il titolare di un vicino ristorante che ha chiamato la polizia per segnalare il danneggiamento in corso di alcune piante esterne. All’arrivo della pattuglia, tuttavia, dei vandali non c’era già più traccia: il danno maggiore si è subito rilevato ai danni dell’opera bronzea. In sostanza il vandalo si è appeso al bilanciere dell’equilibrista e col suo peso ha piegato il metallo fino a deturpare l’equilibrio della statua.

Poco lontano da lì, gli agenti hanno fermato e controllato i quattro amici, completamente ubriachi ed anche poco collaborativi rispetto l’attività delle forze dell’ordine. Forti i sospetti su di loro, ma nessuna prova. Prove che sono spuntate alla fine con le immagini della videosorveglianza, in cui viene immortalata la “bravata” di un 36enne, cesenate incensurato e libero professionista. Il 36enne, nella sua vanità, si è fatto anche fotografare da una amica di 28 anni che ha assistito al danneggiamento. L'uomo è stato quindi denunciato per danneggiamenti aggravati. Molto probabilmente il Comune (proprietario della statua) chiederà il risarcimento per i danni subiti dall’opera.

LUCCHI - "L'individuazione da parte del Commissariato dei responsabili dei vandalismi effettuati la notte dello scorso 23 novembre in centro storico, è una notizia positiva per la nostra città, poiché conferma la presenza e l'efficacia delle forze dell'ordine a Cesena - afferma il sindaco Paolo Lucchi -. Grazie ad un lavoro certosino degli agenti, e grazie anche alla collaborazione ed al senso civico del ristoratore che ha allertato la Polizia, è stato possibile individuare e sanzionare gli autori dei gesti vandalici che lo scorso 23 novembre hanno contribuito a dare una percezione di minor sicurezza ai cesenati".

Continua il primo cittadino: "Di particolare rilevanza, a mio avviso, il fatto che sia stato possibile identificare i vandali grazie alla videosorveglianza presente nell'area. Un sistema che, in raccordo con le forze dell'ordine, consente a ognuno di noi di sentirsi maggiormente sicuro nella propria quotidianità. Ritengo che notizie come questa siano la risposta migliore a tutti coloro che contestano l'investimento nella rete di video sorveglianza annunciato dall'Amministrazione comunale. È infatti sotto l'occhio di tutti quanto tali sistemi siano uno straordinario strumento in grado di aumentare uno dei beni più preziosi dei cittadini: la sicurezza".

"Strumentalizzare questi progetti a fini politici non fa bene nè a chi si lascia andare a polemiche pretestuose, nè all'intera città - conclude Lucchi -. Agli agenti del Commissariato, ed in particolare alla dottoressa Maria Rosaria Traino, che li coordina, il plauso e il ringraziamento mio e della Giunta, nella consapevolezza che solo continuando nella collaborazione reciproca, sarà possibile garantire a tutti i cesenati quel senso di sicurezza che caratterizza la nostra comunità."

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandalo danneggia la statua degli Equilibristi, ma non fa i conti con le telecamere: denunciato

CesenaToday è in caricamento