Valle Savio e il progetto culturale e turistico, Baccini: "Procedere in coerenza con quanto fatto"

"La nostra Valle - commenta Marco Baccini - è una realtà unica, che racchiude in uno stretto ambito territoriale eccellenze diverse e integrate"

Le sollecitazioni di Confcommercio, che con il suo presidente Augusto Patrignani sollecita un progetto culturale e turistico per la Valle del Savio vengono recepite dal sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini. "La nostra Valle - commenta Marco Baccini - è una realtà unica, che racchiude in uno stretto ambito territoriale eccellenze diverse e integrate, che consentono di esprimere potenzialità enormi. Cultura, arte, natura, storia, religione, termalismo, artigianato di precisione e industrie ai massimi livelli internazionali, agricoltura e allevamento, ospitalità, capacità di innovarsi, tradizioni e associazionismo sono solo alcuni aspetti che definiscono ciò che la nostra gente è stata capace di creare e preservare ad oggi, rendendo veramente unico questo territorio”.

"Quello che serve - continua Baccini - è una organizzazione ad ampio raggio, capace di mettere insieme queste eccellenze per valorizzarle in un contesto unitario, sia dal punto di vista dei servizi da offrire che della promozione. Su questo obiettivo, però abbiamo avuto il merito di avviare già da oltre un anno a questa parte un progetto di vallata che mira proprio a dotarsi di un piano di azione locale per l’ambito montano della Valle del Savio che è il percorso denominato “Quale Futuro per la Montagna”, di cui ne sono stato il promotore".

“Il progetto - chiosa - si è fondato sul metodo partecipativo ed inclusivo, tanto che si è svolto sulla base di tavoli di lavoro ai quali hanno partecipato tutti gli attori dei Comuni della Valle del Savio, e che anche Patrignani dovrebbe conoscere bene visto che Confcommercio, insieme alle altre associazioni di categoria ed alle organizzazioni sindacali, è stata uno degli interlocutori principali ed ha partecipato attivamente ai tavoli di lavoro". Questo percorso, che ha coinvolto tutti gli strati economici e sociali della Valle del Savio ha avuto il merito ad oggi di far emergere esigenze e prospettive di sviluppo del nostro territorio e delle nostre Comunità ed è su questo progetto che deve incanalarsi ogni ragionamento intorno agli sviluppi della Valle del Savio”.

"Tanto più che in base alle linee di indirizzo emerse con chiarezza dai tavoli di lavoro sono già state individuate le prime azioni concrete da attuare, che riguardano proprio gli argomenti che Patrignani richiama - prosegue -. Progetto di promozione unitaria in tema di turismo e organizzazione integrata dei servizi da offrire, creazione di un unico consorzio per la definizione di un brand di vallata, gestione unitaria degli IAT, creazione di un calendario unico degli eventi di Vallata, integrazione delle politiche giovanili, istituzionalizzazione di un tavolo dell’economia, uniformazione dei regolamenti comunali. Questi sono solo i primi temi che vengono sviluppati in una programmazione che mira ad avere un ampio respiro e un’ottica di medio-lungo periodo".

"Sul tema della programmazione strategica, i Comuni dell’Unione Valle Savio hanno avuto il merito di guardare al futuro in ottica strategica ed hanno lanciato un percorso istituzionale all’interno del quale convogliare tutte le spinte esistenti sul territorio, al fine di raggiungere la miglior finalizzazione degli sforzi e delle azioni, che altrimenti rimarrebbero disancorate da un contesto unitario e coerente con gli scopi - conclude Baccini -. Ci stiamo organizzando per rendere concrete queste prime azioni già a partire da settembre prossimo, con la riattivazione dei tavoli di lavoro e la condivisione delle azioni emerse nel piano di azione locale. La raccomandazione quindi è quella di procedere in coerenza con quanto avviato, consapevoli del lavoro svolto, del contributo di ogni partecipante, senza fughe in avanti che a questo punto finirebbero per creare solo confusione e svilirebbero il lavoro svolto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento