Valle del Savio, comincia la discussione per la definizione del "Piano di Zona"

Si terrà il prossimo mercoledì a Bagno di Romagna un incontro che ha come obiettivo quello di aprire un dibattito, un confronto concreto e costruttivo

I Comuni dell’Unione Valle Savio, sono chiamate a definire il nuovo piano sociale di zona, per la salute e il benessere sociale che dovrà avere una valenza almeno triennale. Per questo sono in programma incontri fra Enti locali, sindacati, associazioni, cooperative, fondazioni, Ausl della Romagna. Si terrà il prossimo mercoledì a Bagno di Romagna un incontro che ha come obiettivo quello di aprire un dibattito, un confronto concreto e costruttivo, con tutti i soggetti che gravitano nel mondo dei servizi socio sanitari, e partendo dai loro suggerimenti e dalla esperienza sul campo, elaborare un efficace piano di zona. Lotta alla povertà, assistenza alle persone anziane e disabili e costruzione di reti fra i servizi che semplifichino la vita ai cittadini, sono fra gli obiettivi del nuovo Piano socio-sanitario regionale, la cornice che la Regione Emilia-Romagna ha consegnato nel 2017 ai Comuni e dentro cui ogni territorio deve ora ridefinire la programmazione delle proprie attività sociali. 
Per i Comuni dell’Unione Valle Savio si tratta adesso di costruire il nuovo piano sociale di zona, che dovrà avere una valenza almeno triennale, da presentare alla Regione Emilia Romagna entro il 30 giugno.

“Sono stati anni di profondi cambiamenti - dichiarano il sindaco di Marco Baccini e l’assessore comunale ai servizi per le persone Enrica Lazzari -, durante i quali i servizi si sono già strutturalmente modificati, rispondendo a bisogni nuovi come la povertà delle famiglie e cercando di ampliare le attività rivolte alle persone anziane, che sono in costante aumento. Fondamentale il confronto con gli enti che insieme a noi, in questi anni, hanno contribuito alla realizzazione dei servizi e, in larga misura, anche al loro ampliamento quali le associazioni, cooperative, fondazioni, Ausl della Romagna. Grazie proprio alla sinergia e collaborazione di tante persone impegnate e, soprattutto, grazie alla loro di sensibilità, esperienze e professionalità che ogni giorno cercano di supportare le famiglie della nostra comunità in difficoltà”. 

“Di fronte ai bisogni mutati è ancor più necessario il confronto su come proseguire, è fondamentale capire quali decisioni assumere per rendere più efficace il supporto a chi è più fragile,  e sia ancora fondamentale far partire risposte strutturali e collettive”, chiosano. L'incontro, aperto a tutta la cittadinanza, è quindi per mercoledì alle 18 nella sala consiliare del Municipio. Interverranno, oltre al sindaco Baccini e all'assessore Lazzari, anche Matteo Gaggi, dirigente dei Servizi Sociali Unione dei Comuni Valle del Savio e Francesca Righi, direttore di Distretto Cesena-Valle Savio. "Per questo la programmazione deve essere fatta in collaborazione con tutti coloro che sono impegnati nei servizi alle persone del nostro territorio con un percorso ampio e partecipato, costituito da fasi di condivisione e discussione, e ci auspichiamo la massima partecipazione", concludono. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento