Valanga travolge in val D'Aosta gruppo di sciatori romagnoli: ci sono due morti

Venti scialpinisti provenienti da diversi gruppi Cai romagnoli sono stati coinvolti nella drammatica valanga che ha causato due morti e due feriti in valle d’Aosta, e più precisamente al Colle di Chamolè, a Pila

Venti scialpinisti provenienti da diversi gruppi Cai romagnoli sono stati coinvolti nella drammatica valanga che ha causato due morti e due feriti in valle d’Aosta, e più precisamente al Colle di Chamolè, a Pila, località sciistica poco distante da Aosta. Nel momento del distacco della valanga è stata travolta la comitiva, che faceva parte di un corso avanzato di scialpinismo organizzato dalla Scuola Cai 'Pietramora' delle sezioni di Cesena, Faenza, Forlì, Imola, Ravenna e Rimini. Le due vittime sono Roberto Bucci, 28enne di Faenza e Carlo Dall’Osso, 52 anni, di Imola.

Nel gruppo c'erano esperti di scialpinismo: il rischio valanghe in quella zona era stato catalogato come “basso”, anche se in probabile aumento durante la giornata. I feriti sono stati trasportati all’Ospedale Parini di Aosta in stato di ipotermia: ricoverati nel reparto di Chirurgia d'urgenza, con contusioni e politrauma hanno avuto una prognosi di una ventina di giorni. Il soccorso alpino valdaostano, con l’impiego anche di due elicotteri, ha coordinato le operazioni di ricerca: sul posto anche guide tecniche di soccorso e unità cinofile.

A quanto sembra la procura di Aosta ha aperto un'indagine. Il pm Eugenia Menichetti ha effettuato nel primo pomeriggio un sopralluogo sulla zona in cui è caduta la slavina e avrebbe dichiarato che “si stanno facendo tutti gli accertamenti per verificare se ci sono responsabilità per quanto accaduto”. Ci sarebbero diversi testimoni che hanno assistito alla tragedia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento