"Truffa delle vacanze": tutti i consigli per evitare spiacevoli sorprese sotto l'ombrellone

Dalla Municipale quindi c'è l'invito "a diffidare delle offerte particolarmente vantaggiose (gli affaroni sono rarissimi) ed a cautelarvi prima di versare caparre a sconosciuti"

"Proteggiamoci dalle truffe". La Polizia Municipale dell'Unione dei Comuni del Rubicone ha pubblicato un vademecum sulla propria pagina Facebook per mettere in guardia i cittadini dalla cosidetta "truffa delle vacanze". Con l'arrivo della bella stagione al Corpo giungono querele di persone che sono state truffate con un meccanismo che, pur con varianti, si replica in modo simile. La truffa consiste nella pubblicazione di un annuncio, spesso su siti specializzati,  in cui si offre, a condizioni vantaggiose, un appartamento in locazione nella stagione estiva in luoghi di vacanza (per esempio a Gatteo Mare).
L'annuncio è spesso accompagnato da fotografie esterne (scattate dal truffatore, in modo che possano corrispondere alle immagini di googlemaps) e da fotografie interne (quasi sempre non corrispondenti alla realtà) e da un recapito telefonico e/o mail.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le persone interessate che prendono contatto con l'inserzionista - persona abile e affabile - sono rassicurate sull'offerta e ingannate sulla qualità dell'inserzionista, che riesce a farsi versare una caparra (solitamente su una carta prepagata). In realtà l'appartamento non esiste, oppure non è nella disponibilità dell'inserzionista. Cosicchè i truffati, dopo avere versato alcune centinaia di euro di caparra, giunti sul posto con i bagagli per il saldo e la consegna delle chiavi....non trovano nessuno! Inutile, neanche dirlo, provare a contattare l'inserzionista, che non risponderà più al telefono. Dalla Municipale quindi c'è l'invito "a diffidare delle offerte particolarmente vantaggiose (gli affaroni sono rarissimi) ed a cautelarvi prima di versare caparre a sconosciuti, consultando siti affidabili, verificando i feedback, facendo pagamenti più sicuri (paypal e bonifici), acquisendo informazioni sull'inserzionista".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento