rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

Usip: "E' grave lasciare i poliziotti sprovvisti di green pass senza un assegno assistenziale"

"Tale provvedimento rischia di lasciare tante famiglie senza mezzi di  sostentamento", sottolinea l'Unione sindacale italiana poliziotti

Usip, Unione sindacale italiana poliziotti prende posizione sul tema dei lavoratori sospesi perché senza green pass rafforzato, e che vengono lasciati anche senza un assegno assistenziale. "Dal 15 febbraio 2022, e fino al 15 giugno 2022 - si legge in una nota - sono scattate le nuove regole in relazione all’obbligo vaccinale degli over 50, dichiara il Segretario Generale Nazionale U.S.I.P. Vittorio Costantini, un obbligo  che prevede, nei confronti di tutti coloro che hanno compiuto 50 anni, l’impossibilità di recarsi a lavoro  qualora siano sprovvisti del green pass cosiddetto rafforzato ( avvenuta vaccinazione o guarigione da Covid): i lavoratori sprovvisti, seppur avranno il diritto alla conservazione del posto lavorativo, saranno   considerati assenti ingiustificati con sospensione totale dello stipendio loro spettante". 

Prosegue Usip: "Senza voler entrare nel merito dell’obbligo vaccinale - continua il Segretario Costantini - e senza voler  nemmeno entrare nel merito di quelle che sono le singole scelte personali, un dato è però certo, che  riteniamo davvero importante, tale provvedimento rischia di lasciare tante famiglie senza mezzi di  sostentamento, privare una lavoratrice ed un lavoratore di Polizia senza quel minimo di risorse  economiche, utili a poter sostenere i bisogni di una famiglia, la riteniamo una cosa inaccettabile.  Non si tratta di volere mettere in discussione i provvedimenti inerenti il contrasto all’epidemia, afferma il  Segretario Costantini tuttavia lasciare tante famiglie, magari anche monoreddito, senza i soldi per poter  andare avanti, lo riteniamo davvero grave, con il rischio di andare a peggiorare le già precarie condizioni  sociali scaturite da questa pandemia.   Riteniamo peraltro assurdo che per tutti i colleghi sospesi per motivi disciplinari viene previsto un  minimo quantum a titolo di assegno alimentare, dichiara Costantini, mentre per i colleghi sospesi a causa  della mancanza di green pass non viene garantito nulla, tutto ciò ci sembra davvero un accanimento nei confronti di questi colleghi e per le famiglie di questi colleghi, un inutile accanimento che non farà altro  che acuire sofferenze materiali e morali".  

"In considerazione di ciò - conclude Costantini - si auspica che il Governo e la politica tutta rivalutino le  precedenti posizioni, affinchè in sede di discussione parlamentare per la conversione del DL 52, venga inserito una disposizione che preveda il riconoscimento di una parte dello stipendio a titolo di assegno  assistenziale a tutti quei colleghi sprovvisti di green pass, tra le altre cose tutto ciò sarebbe anche in linea  con quanto recentemente sentenziato dal TAR Lazio secondo cui privare dello stipendio un lavoratore che  non si è sottoposto a obbligo vaccinale costituisce un pregiudizio grave e irreparabile".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Usip: "E' grave lasciare i poliziotti sprovvisti di green pass senza un assegno assistenziale"

CesenaToday è in caricamento