Cronaca

"Una pedalata per Fanovo": cesenate attraverserà il Madagascar in bici e in solitaria

Venerdì mattina il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore allo Sport Christian Castorri hanno incontrato Amadori nella Sala degli Specchi, congratulandosi con lui per la coraggiosa esperienza

Giancarlo Amadori col sindaco e l'assessore

“Con la bicicletta si può arrivare lontano, molto lontano, a volte così lontano tanto da raggiungere la meta più difficile, quella del cuore delle persone”. A sostenerlo è il ciclista cesenate Giancarlo Amadori, che sabato partirà per attraversare il Madagascar in bicicletta e in solitaria per sostenere il progetto “Una pedalata per Fanovo”  al fine di raccogliere fondi da destinare al centro ricreativo/sociale/culturale “Fanovo” nella città di Fianantsaroa, sostenuto dalla Onlus Averiko. Venerdì mattina il sindaco Paolo Lucchi e l’assessore allo Sport Christian Castorri hanno incontrato Amadori nella Sala degli Specchi, congratulandosi con lui per la coraggiosa esperienza.

"La bicicletta è una filosofia di vita - racconta Amadori - da quasi 5 anni tutti i giorni vado a lavoro in bici, da Cesena a Cervia. E ogni giorno, mi stupisco per la gentilezza delle persone, che lungo la strada mi sorridono e mi salutano. Muoversi lentamente è un ottimo modo per capire i posti e i loro abitanti, alla base di tutto c’è la condivisione. La stessa che si ritrova nel progetto che sostengo: ‘Fanovo’  in malgascio significa infatti ‘condivisione’. Non mi pare che ci possa essere una causa più giusta per continuare a pedalare". Da un decennio, il centro culturale Fanovo di Averiko Onlus aiuta ragazzi malgasci a seguire corsi di lingue, informatica, musica e artigianato nel rispetto delle tradizioni. Informazioni: www.ideaginger.it/progetti/una-pedalata-per-sostenere-fanovo.html

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Una pedalata per Fanovo": cesenate attraverserà il Madagascar in bici e in solitaria

CesenaToday è in caricamento