Cronaca

Una dozzina di persone chiuse nello sgabuzzino e 86mila euro di bottino: 4 condanne per i rapinatori

Sono arrivate le condanne nel processo con rito abbreviato nei confronti di quattro "trasfertisti" che lo scorso 3 marzo misero a segno un colpo da oltre 80mila euro alla filiale "Banca Romagna"

Sono arrivate le condanne nel processo con rito abbreviato nei confronti di quattro "trasfertisti" che lo scorso 3 marzo misero a segno un colpo da oltre 80mila euro alla filiale "Banca Romagna" di via Cervese, a Cesena. Il 10 di luglio i quattro soggetti furono arrestati dai Carabinieri della Compagnia di Cesena, alle prime luci dell'alba, dopo un'indagine durata pochi mesi. Posti in custodia cautelare in carcere nei giorni scorsi è avvenuto il processo col rito abbreviato, che comporta lo sconto di un terzo della pena se il processo si celebra con una procedura abbreviata.

VIDEO: la ricostruzione della violenta rapina

Nel Palermitano erano scattati gli arresti per quattro persone, un 48enne, un 55enne, un 37enne e un 32enne. Chi era al mare, chi nella casa vacanze, le manette sono scattate in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del tribunale di Forlì, con l'accusa di rapina aggravata in concorso e porto illegale di arma comune da sparo. Le pene comminate dal Tribunale di Forlì vanno da 3 anni e 4 mesi a 4 anni e 9 mesi e tutti e quattro sono stati giudicati colpevoli in primo grado.

La vicenda

Ma cosa successe quel 3 marzo? Agli inizi della fase di emergenza Covid, i quattro nel primo pomeriggio fecero irruzione nella banca, col volto travisato da sciarpe e berretti, apparentemente disarmati, ma con fare molto minaccioso. Si fecero consegnare i cellulari da dipendenti e clienti, e li chiusero (una dozzina di persone) in una stanza dove li fecero sedere sul pavimento.  A quel punto i malviventi presero la direttrice, e si fecero portare alle casse temporizzate. Dopo circa un'ora l'apertura con i quattro rapinatori che arraffarono ben 86mila euro. 

Durante le concitate fasi della rapina, e prima di dileguarsi, i malfattori, inoltre, aggredirono fisicamente una guardia giurata che, in divisa, era entrata in banca per fare un'operazione, sottraendogli anche la pistola beretta 9x21 in dotazione.

Immediatamente partirono le indagini dei Carabinieri della Compagnia di Cesena, che si sono avvalse di testimonianze, e delle immagini di video-sorveglianza. I malviventi prima di fuggire pensavano di aver estratto il server con le immagini delle telecamere, ma in realtà presero l'apparecchio sbagliato. Gli uomini dell'Arma sono riusciti a ricostruire gli spostamenti del sodalizio criminale, in particolare gli hotel in cui i quattro avevano soggiornato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una dozzina di persone chiuse nello sgabuzzino e 86mila euro di bottino: 4 condanne per i rapinatori

CesenaToday è in caricamento