Una biciclettata inaugura la ciclofficina nel cortile della scuola media di Viale della Resistenza

Ha preso avvio sulle due ruote la mattinata di alcuni studenti cesenati che hanno ricevuto in consegna dall’Amministrazione comunale 23 nuove biciclette

Foto di Francesco Botta

Decolla a Cesena il progetto "Cambiamomarcia", con l’obiettivo di favorire scelte di mobilità sostenibile sia individuali che collettive da parte dei cittadini. Martedì mattina è stata infatti organizzata una biciclettata per celebrare la realizzazione della prima ciclofficina scolastica della città, con protagonisti gli alunni della scuola media “Viale della Resistenza”, dalla sede dello stabilimento ciclistico “Vicini” all’istituto scolastico, con tappa in Piazza del Popolo per un incontro col sindaco Enzo Lattuca e l’assessora alla Mobilità sostenibile e viabilità Francesca Lucchi.

VIDEO: la biciclettata sfocia in Piazza del Popolo

Questa iniziativa nasce da un finanziamento del Ministero dell’ambiente nominato “programma sperimentale nazionale per la mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro”. Tecnico che ha seguito interamente "Cambiamomarcia", Lucia Garattoni entra nel dettaglio: “Questo finanziamento è stato una prova per i tecnici comunali, perché metà delle attività che chiedeva il bando nessuno le aveva mai fatte, erano attività sperimentali. La prima che hanno conosciuto i cesenati è stato l’incentivo chilometrico, per chi abbandonava l’auto per usare la bicicletta. Con tre bandi, nei tre successivi anni i risultati sono stati ottimi. La seconda, molto impegnativa, è stata quella di un coinvolgimento delle scuole per un’azione di mobility management scolastico: ogni dirigente ha nel collegio docenti un insegnante referente che si dedica normalmente alle materie della sicurezza stradale e di tutto quello che riguarda la mobilità che si muove attorno al plesso scolastico”.

Lo sforzo dell’Amministrazione è quello di dare un supporto a questi insegnanti di una rete di associazioni locali, per aiutarli nella gestione della mobilità scolastica, a partire dall’organizzazione dei piedibus. “Sono dieci associazioni convenzionate col Comune, questo è il terzo anno scolastico che agiscono a fianco di questi insegnanti referenti. La ciclofficina (il plesso di Viale della Resistenza) è l’unica scuola media nella quale siamo riusciti a fare quest’azione, il dirigente ha nominato la mobility manager della scuola e l’azione che abbiamo progettato insieme a loro è stata quella di dotare l’istituto di una ciclofficina, proprio perché quelli delle medie sono ragazzini che non vengono più accompagnati coi piedibus, ma che cominciano a muoversi da soli in autonomia senza un minimo di competenze base per andare su strada in autonomia”. Ultimo ma non per importanza, l’insegnamento riguardante l’educazione stadale: “Una ciclofficina dove si potesse impostare con istruttori esperti specializzati, insegnanti di educazione fisica, associazioni sportive locali, un programma educativo che coltivasse in qualche modo a quest’età l’amore per la bicicletta e le competenze base che spesso, a questi ragazzini, salvano anche la pelle”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’obiettivo - commenta l'assessore alla Mobilità sostenibile e viabilità Lucchi - è di creare tra i più giovani e sull’intero territorio comunale i presupposti per una cultura degli spostamenti che vada a favorire l’ambiente riducendo il più possibile le emissioni di Co2 nell’aria. In questo contesto si inseriscono l’accordo stretto con sette Direzioni didattiche di Scuola Primaria di Cesena e Cesenatico per supportare il mobility management scolastico e la realizzazione della ciclofficina inaugurata e realizzata nell’ambito del progetto ‘Cambiamomarcia’, il programma sperimentale nazionale di mobilità casa-scuola e casa-lavoro cofinanziato dal Ministero dell’ambiente a cui come Comune abbiamo aderito. Questa struttura, che potrà essere utilizzata anche da altre scuole e replicata in futuro in ciascun quartiere per creare una rete di ciclofficine, ha lo scopo di sensibilizzare i nostri ragazzi alla passione per le due ruote: qui si programmeranno attività didattiche con l’utilizzo della bicicletta e si svilupperanno competenze per quanto riguarda le riparazioni di base e gli aspetti legati alla sicurezza e alla percezione del rischio".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Cesena usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento