menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un nuovo futuro per la Casa rossa e attenzione agli spostamenti su due ruote, il Comune incontra il quartiere Al Mare 

“Condividere la programmazione dei progetti e degli interventi con l’Amministrazione comunale – commenta il Presidente Montanari – riduce le distanze tra i quartieri e il centro città"

Avere una visione di futuro per porre i quartieri al centro della vita pubblica. Lo ha detto il Presidente del Consiglio di Quartiere Al Mare Andrea Montanari introducendo l’incontro con Sindaco e Assessori che anche per la serata di ieri, mercoledì 10 marzo, si è tenuto in modalità esclusivamente online. Diverse le progettualità e le istanze presentate alla Giunta nel corso di questa nona assemblea con gli organismi territoriali: dalla raccolta domiciliare dei rifiuti, con la distribuzione da parte di Hera dei nuovi calendari sul porta a porta, al progetto della pista ciclabile che collegherebbe Capannaguzzo a Macerone. Nodali anche in questa occasione la riorganizzazione della rete scolastica, il decentramento delle attività culturali e la socialità, che per il quartiere passa dalla rigenerazione del parco della Casa Rossa, a Ponte Pietra.

“Condividere la programmazione dei progetti e degli interventi con l’Amministrazione comunale – commenta il Presidente Montanari – riduce le distanze tra i quartieri e il centro città. Il nostro territorio è pressoché periferico, ed è proprio per questa ragione che avvertiamo il bisogno di collegare spazi e servizi tra di loro. Una risposta potrebbe essere fornita dalla ciclabile come possibile bretella di collegamento con il cervese. Inoltre, in vista della partenza dei lavori per la realizzazione della ciclovia del Pisciatello, in direzione Cesenatico, si potrebbe progettare un collegamento tra queste importanti arterie verso il mare. Una maggiore connessione tra i servizi tuttavia presuppone anche un miglioramento degli stessi attraverso l’introduzione di nuovi eventi e momenti comuni. Nel nostro quartiere palcoscenico idoneo per la vita di comunità è la Casa Rossa, con il suo parco, che, dopo una riqualificazione, potrebbe ospitare una biblioteca di quartiere. Proprio in quest’ottica, riteniamo che l’Amministrazione comunale stia procedendo nella giusta direzione con i progetti legati al verde urbano e ai parchi cittadini e alla rete bibliotecaria di Cesena”.

“Elaborare strategie di sviluppo relativamente al quartiere di riferimento – commenta il Sindaco Enzo Lattuca – è fondamentale al fine di rispondere a bisogni manifestati nel corso di questa prima fase di confronto e di ascolto.  Individuare i luoghi da restituire ai cittadini e alle periferie per attività che generino aggregazione e crescita sociale per anziani e giovani è uno dei temi più riproposti. I nostri quartieri hanno voglia di ripartire, ed è per questo che propongono temi che, per loro natura, concorrono a definire la qualità del vivere e della dimensione urbana delle frazioni. Anche con il quartiere Al Mare ci siamo concentrati sul tema del riuso e del recupero degli immobili in riferimento alla Casa Rossa, inserita in un contesto scolastico, dove da sempre sono organizzati eventi estivi, letterari o sociali. Inoltre, c’è da riconfigurare l’organizzazione della rete dei servizi cercando di capire perché alcuni potrebbero essere maggiormente attrattivi rispetto ad altri. Cruciale anche in questo caso la mobilità leggera, rappresentata dalla ciclabilità. Come già ripetuto in queste settimane, il tema della bicipolitana si colloca nel Piano Urbano della Mobilità Sostenibile ed è tesa non solo a collegare meglio il territorio, ma anche a fornire un servizio in più. In quest’ottica – prosegue il Sindaco – si pensa di intervenire sulla Via Capannaguzzo per inserirla all’interno della rete ciclabile di quartiere. Infine, la scuola. Una delle priorità di questa Amministrazione è la razionalizzazione della attuale rete scolastica e dei servizi extrascolastici. Negli ultimi anni la scuola dell’infanzia di Macerone ha registrato un calo di iscritti, la scuola di Ponte Pietra invece ha a disposizione spazi che potrebbero ospitare un eventuale nuovo corso di scuola media”.

L’oggetto di questo confronto è la redazione di un patto di Quartiere che verrà integrato con gli esiti del percorso condiviso, riportando gli interventi strutturali e strategici condivisi per il prossimo triennio. Ai 12 organismi verranno forniti alcuni strumenti di analisi utili: quadro degli interventi strutturali e strategici relativi al proprio territorio (con relative risorse messe a Bilancio); report di CesenaSegnala, in relazione alle segnalazioni dei cittadini; Intranet dei Quartieri, mail istituzionale e logo. Al fine di incrementare e rendere più proficuo il dialogo tra Amministrazione comunale e Quartieri, sono stati istituiti due specifici momenti di confronto da svolgersi con cadenza annuale: il Consiglio comunale dei Quartieri, ovvero una seduta del Consiglio comunale il cui l’ordine del giorno sarà definito di concerto con il Collegio dei Presidenti, e i “Dialoghi con i quartieri”, ovvero un incontro tra la Giunta, i Consigli e i cittadini in ciascuna delle sedi di quartiere.

 Il calendario

Gli incontri proseguiranno martedì 16 marzo con il Cervese Nord, martedì 23 marzo con il Ravennate e, per concludere, martedì 30 marzo con il quartiere Dismano. Fino a martedì 16 marzo gli incontri si terranno in modalità online nel pieno rispetto dell’Ordinanza regionale attualmente in vigore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento