rotate-mobile
Sabato, 3 Dicembre 2022
Cronaca

"Ultimo concerto", anche il Vidia si riaccende sul web ad un anno dalla 'morte' della musica dal vivo

A riaprire le porte d'ingresso ai gruppi musicali è lo storico club rock di San Vittore che, insieme ad altri 30 club rock di tutta Italia, sta partecipando all'iniziativa social "Ultimo concerto"

Un concerto in streaming che si svolgerà realmente sul palco del Vidia. A riaprire le porte d'ingresso ai gruppi musicali è lo storico club rock di San Vittore che, insieme ad altri 30 club rock di tutta Italia, sta partecipando all'iniziativa social "Ultimo concerto". Iniziativa che vede locandine di "morte annunciata" attaccate all'entrata dei locali per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla pesante situazione che stanno vivendo le realtà legate al mondo dello spettacolo dal vivo.

Sabato 27 febbraio alle 21 (sul sito www.ultimoconcerto.it), infatti, il Vidia proporrà gratuitamente lo streaming del concerto che vede esibirsi il "Duo Bucolico" e i "Finley". La data del 27 febbraio non è casuale. Tutti ricorderete che lo scorso anno, proprio alla fine di febbraio si iniziavano a chiudere attività e a pensare all'ipotesi di chiudere anche le scuole. Il ricovero del paziente di Codogno, quello che per primo ha creato l'allarme vero e proprio in Italia, risale al 21 febbraio, ma solo dopo qualche giorno ci si è resi conto della portata del contagio ormai partito in modo inarrestabile.

A esibirsi al Vidia, come detto, saranno i romagnoli "Duo Bucolico", cantautori d'avanguardia e i "Finley", altra band storicamente legate al prestigioso rock club di Cesena.

I Live club, va ricordato,  si distinguono dagli altri locali perché organizzano musica dal vivo. Sono spazi dove si respira arte, cultura e conoscenza attraverso esposizioni di arti visive, cineforum, laboratori creativi, convegni e incontri. Sono luoghi multifunzionali e multidisciplinare di promozione culturale e del proprio territorio. E' un comparto che ogni anno coinvolge oltre 7 milioni di persone a livello nazionale contando soltanto le presenze che partecipano agli eventi nei Live Club e Festival e fornisce lavoro a circa 30 mila professionisti. "Eppure - scrivono gli organizzatori dell'iniziativa - fino a oggi non è mai stato riconosciuto il valore di questi spazi, al pari di quello che avviene, invece, per i cinema e i teatri".

L'iniziativa musicale è organizzata da Keepon live, Arci e Assomusica, insieme a Live Dma e Per - promoter Emilia-Romagna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ultimo concerto", anche il Vidia si riaccende sul web ad un anno dalla 'morte' della musica dal vivo

CesenaToday è in caricamento