Cronaca

In Brasile per cambiare vita, un cesenate trova la morte in una tragica rapina

Tragedia in Brasile: Gabriele Gigli, 64 anni, è stato trovato morto nella sua abitazione di Itaunas

Foto Facebook

Una notizia tragica rimbalza dal Brasile, un cesenate di 64 anni, Gabriele Gigli, è stato trovato morto venerdì mattina ad Itaunas, località turistica che si trova a cavallo tra gli stati di Bahia e di Espirito Santo.

"Era uno spirito libero"

Il cadavere dell'uomo è stato rinvenuto nel cortile della sua abitazione, e come riporta il quotidiano online brasiliano "Tribuna" il corpo presentava segni di violenza. Gli investigatori del posto hanno subito indirizzato le indagini verso l'ipotesi di una rapina finita male. Una tragedia che riporta alla mente quella di Luca Andreoli, il 39enne cesenate assassinato lo scorso settembre a Medellin, in Colombia, nel corso di una feroce rapina.

Un'altra vittima cesenate in Sudamerica probabilmente entrato nel mirino di banditi senza scrupoli. La "Tribuna" riporta che la Policia civil ha già individuato alcune persone che sono sospettate del delitto, e ha lanciato un appello a chiunque possa fornire informazioni utili per ricostruire il fatto e individuare i responsabili.

Gigli da qualche anno aveva scelto la località brasiliana per cambiare vita godendosi l'atmosfera brasiliana e le esotiche spiagge del posto con le caratteristiche dune. Si evince dalle tante e spensierate foto postate su Facebook. Spaccati social dai quali traspare un carattere estroso, e che dimostrano che il 64enne in Brasile si era ambientato piuttosto bene. I portali turistici dipingono Itaunas come un tranquillo villaggio di pescatori che nei mesi estivi diventa una meta turistica non ancora di massa. Prima di emigrare in Sudamerica, in città Gigli aveva fatto il barista e il cameriere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Brasile per cambiare vita, un cesenate trova la morte in una tragica rapina

CesenaToday è in caricamento