menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si fingono operai di Hera e derubano un'anziana di soldi e preziosi

L'amministrazione comunale sensibilizza la cittadinanza sul rischio di queste truffe particolarmente odiose perché condotte a danno degli anziani, di cui queste persone senza scrupoli carpiscono più facilmente la fiducia

Anziana derubata da due finti operatori di Hera. E' quanto accaduto nei giorni scorsi a Gatteo. I malviventi si sono presentati nell'abitazione della donna, spiegando che dovevano misurare il livello di mercurio nell’acqua della cucina. Indossando un giubbino fosforescente e dotati di una strumentazione “elettronica”, hanno finto di controllare la qualità dell’acqua ed hanno poi convinto la malcapitatache la casa doveva essere immediatamente sgomberata per grave contaminazione, invitandola a raccogliere e portare con sé denaro e preziosi di cui si sono impossessati prima di scappare.

L'amministrazione comunale sensibilizza la cittadinanza sul rischio di queste truffe particolarmente odiose perché condotte a danno degli anziani, di cui queste persone senza scrupoli carpiscono più facilmente la fiducia. "Il truffatore - viene spiegato - per farsi aprire la porta ed entrare può presentarsi in diversi modi, spesso è una persona educata, distinta e particolarmente gentile. E’ bene diffidare di persone sconosciute che si presentano dicendo di lavorare per Banche, Uffici Postale, Ausl o Comune, senza prima avere visto un documento d’identità ed una lettera che spieghi il motivo della loro visita. Tutti gli uffici pubblici, per questioni riguardante denaro o documenti equivalenti, utilizzano solo raccomandate, invitando le persone interessate presso i propri sportelli e non mandano mai incaricati a consegnare o prelevare denaro o valori.I controlli sugli impianti vengono effettuati solo su specifica richiesta del cittadino. Nei casi dubbi è opportuno contattare immediatamente il 112 o il 113.

Contemporaneamente Hera ricorda che "i propri operatori non sono incaricati a intervenire sugli impianti interni all’abitazione. Pertanto, qualora qualcuno si presentasse autonomamente a domicilio per la verifica dei sistemi idraulici, elettrici o del gas di casa, non può trattarsi di un operatore di Hera. Personale Hera (o di società di lettura che svolgono tale servizio per Hera) è invece incaricato di effettuare la lettura periodica dei contatori, indipendentemente dall’utilizzo dell’autolettura da parte del cliente e dalla società di vendita con la quale il cliente ha un contratto. Nel caso in cui il contatore sia all’esterno dell’abitazione, il letturista non avrà necessità di chiedere l’accesso. Tale richiesta sarà necessaria solo quando il contatore non sia accessibile. Questi operatori sono sempre identificabili dalla divisa e/o dal tesserino di riconoscimento".

Per gli agenti di vendita si può chiedere la conferma al Servizio Clienti Hera - L'azienda specifica che "esiste un'altra categoria di operatori che possono, talvolta, contattare il cliente presso il proprio domicilio. Si tratta degli agenti di Hera Comm (società di vendita luce e gas della multiutility), che possono presentare le proposte di fornitura luce e gas a mercato libero. Questi sono riconoscibili grazie ad un apposito tesserino, ben visibile, in cui sono riportati nome e cognome, foto e il logo “Hera Comm – Agenzia autorizzata”. Per avere la massima sicurezza, è anche possibile chiamare il Servizio Clienti Hera 800.999.500 e chiedere conferma rispetto al nominativo dell’addetto che si reca a domicilio, poiché gli operatori del Servizio Clienti Hera dispongono dell’elenco costantemente aggiornato di tutti gli agenti autorizzati. Gli agenti che effettuano la vendita di offerte luce e gas a domicilio potrebbero, al fine di essere più chiari e puntuali sulle condizioni di fornitura previste dall’offerta proposta, chiedere informazioni sui consumi e di visionare la bolletta. In altre circostanze, se non si è certi di avere di fronte un agente autorizzato da Hera Comm, si consiglia prudenza nella comunicazione dei dati personali contenuti anche in bolletta. Si ricorda che sempre in base alla medesima normativa, la comunicazione dei dati personali deve essere l’effetto di una libera scelta e che il loro utilizzo commerciale richiede il consenso volontario e consapevole del titolare".

In nessun caso possono essere effettuati incassi o rimborsi di denaro - "In nessuna circostanza, infine, il letturista o le agenzie autorizzate da Hera Comm possono effettuare incassi o rimborsi di denaro. Inoltre mai alcun operatore è stato incaricato da Hera della vendita di apparecchiature relative agli impianti interni del gas o per la sicurezza domestica", continua Hera, che "invita in ogni caso a segnalare direttamente i casi sospetti al Servizio Clienti 800.999.500, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 22 e al sabato dalle 8 alle 18 (da cellulare 199.199.500, numero non gratuito) e alle autorità competenti chiamando il 112 o il 113".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento