Treni regionali, ancora modifiche agli orari. "Sono nell'interesse dei pendolari"

Sono entrate in vigore altre modifiche ai treni regionali. Le Ferrovie accolgono le richieste della Regione, dopo gli incontri coi pendolari

Continua il fermento per i pendolari romagnoli che si spostano in treno, soprattutto per motivi di lavoro o studio. Da lunedì, infatti, sono entrate in vigore alcune modifiche ai treni regionali, chieste dalla Regione Emilia-Romagna, dopo gli incontri con i comitati dei pendolari e viaggiatori, e introdotti dalle Ferrovie. 

Possibili disagi anche per i pendolari cesenati. Questo lo sfogo di un forlivese su un gruppo Facebook dei pendolari: “Stamattina ho avuto una bella sorpresa, il regionale che partiva alle 6:51 da Forlì in direzione Bologna ora parte alle 6:46. Ovviamente l'ho perso, insieme a molte altre persone. Nei tabelloni degli orari c'è scritto ancora 6:51, in biglietteria mi hanno detto di averlo scoperto ieri anche loro e di non aver avuto tempo di aggiornare i tabelloni degli orari".

La partenza del treno regionale 2920, spiegano dalle Ferrovie, è stata anticipata di 5 minuti, con effetto a catena su tutte le altre fermate successive come appunto Cesena, Forlì, Faenza e Imola. 

“La scelta è stata fatta per aggiungere le fermate di Ozzano Emilia e San Lazzaro di Savena, così che i lavoratori e gli studenti che devono raggiungere l'hinterland sud di Bologna non sono costretti a giungere fino a Bologna Centrale, come è stato chiesto dalla Regione. Un importante beneficio per questa utenza di romagnoli – continuano dalle Ferrovie -, per tutti gli altri si è scelto di mantenere l'arrivo a Bologna alle 7,32, che è una fascia oraria di pregio e dove pochi minuti possono fare la differenza per raggiungere il posto di lavoro, per cui l'aggiunta delle due fermate ha avuto come effetto l'anticipo della partenza”.

Non sono per altro le uniche modifiche introdotte per quanto riguarda il movimento passeggeri tra la Romagna e il capoluogo di regione. Anche il regionale veloce 2124 da Ancona a Piacenza ha visto modificati gli orari di passaggio a Imola (6.56) e Castel San Pietro (7.05). Per il ritorno da Bologna alla Romagna, invece, è stata aggiunta la fermata a Ozzano Emilia al regionale veloce 11545 (fermata a Ozzano alle 17.41). Questo comporta anche l'arrivo alcuni minuti dopo a Castel San Pietro terme (17.48) e a Imola (17.56). Infine, nelle modifiche andate in vigore da lunedì la Romagna è coinvolta con l'aggiunta, rispetto all'orario del 9 dicembre, della fermata a Godo alle 16.58 del regionale Faenza-Ravenna delle 16-38, con nuovo arrivo a Ravenna leggermente ritardato di tre minuti, alle 17.10.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Cesena usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Scampagnata al Fumaiolo: "La libertà ha un prezzo più alto delle multe, continueremo ad incontrarci"

  • Tante classi in quarantena ed un morto, l'evoluzione del virus nel Cesenate

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento