Tre cesenati sopravvissuti alla valanga killer. E intanto continuano le indagini

Le indagini intanto vanno avanti. Domenica sono sfilati numerosi testimoni nella caserma del Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Entreves, che indaga sul drammatico episodio

Tra i sopravvissuti della valanga che sabato mattina, a Pila, in Valle D'Aosta, che ha ucciso l'imolese Carlo Dall'Osso, 52 anni, istruttore sezionale Cai, e il 28enne faentino Roberto Bucci c'erano anche tre cesenati, tra i quali il 34enne Thomas Biondi, che quest' anno si è iscritto al corso di scialpinismo. Poche parole su Facebook, scritte nel giorno della tragedia, per comunicare di stare bene. Tra i messaggi di cordoglio anche quello del presidente Cai, sezione di Cesena, Pasqua Presepi: "Alla direzione della Scuola di Pietramora ed a tutto il suo corpo istruttori, vorrei porgere il mio cordoglio per la tragedia accaduta in Valle D'Aosta. Non altre parole,ma tutto il calore nell'esprimere la mia personale vicinanza,quella del mio Consiglio Direttivo e quella della mia sezione".

"Eravamo una famiglia, la tua assenza è impensabile": il dolore degli amici dello scialpinista scomparso

Le indagini

Le indagini intanto vanno avanti. Domenica sono sfilati numerosi testimoni nella caserma del Soccorso alpino della Guardia di Finanza di Entreves, che indaga sul drammatico episodio. Con l'obiettivo di ricostruire i fatti, i militari hanno sentito gli scialpinisti (ancora molto scossi), che hanno assistito alla tragedia. I finanzieri stanno ora preparando la relazione da consegnare alla procura di Aosta, che indaga sull'accaduto. Nel gruppo gli allievi erano 12, gli istruttori del Cai 7. Tra questi, oltre a Dall'Osso, anche i due feriti, Matteo Manuelli, 43 anni, di Imola e Giacomo Lippera (45) di Rimini. Al momento del distacco i quattro travolti si trovavano in coda. Vi sono poi i responsabili del corso avanzato per sci e snowboard organizzato dalla scuola Cai 'Pietramora' (delle sezioni di Cesena, Faenza, Forlì, Imola, Ravenna e Rimini) articolato in cinque lezioni teoriche e quattro uscite 'sul campo'.

Il soccorso alpino della Guardia di finanza di Entrèves lunedì avrebbe consegnato la relazione in procura, che avrebbe così aperto un'inchiesta per disastro e omicidio plurimo colposi. Tra i sei indagati ci sarebbero anche due sopravvissuti travolti dalla slavina, un riminese e un imolese, istruttori sezionali del Cai. Uno di loro è stato salvato in extremis dai soccorritori, che lo hanno rianimato. Tra di loro anche due snowboarder, che procedevano in salita con le ciaspole, tra i quali la vittima faentina. Oltre ai due feriti e ai due morti, anche altre due o tre persone sarebbero state coinvolte parzialmente dal distacco nevoso. In base alla ricostruzione del soccorso alpino della Guardia di finanza di Entrèves, la massa di neve si sarebbe probabilmente staccata dopo il passaggio degli sciatori che erano a monte. La valanga aveva un fronte di 200-250 metri e uno sviluppo di 600. Il gruppo è partito al mattino da Aosta, all'apertura degli impianti, e con l'ovovia ha raggiunto Pila. Qui ha iniziato l'escursione tra le 8.30 e le 9. Poi, la tragedia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 40 disobbedienti della scampagnata senza mascherina, Rosso: "Irresponsabili? No, siamo sani"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Parrucchieri, gommisti e spesa alimentare, il governo aggiorna le "faq": gli spostamenti ammessi

  • Preso in pieno all'incrocio, paura per un ciclista travolto da un'auto

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

Torna su
CesenaToday è in caricamento