rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca

Trasporti, la Filt Cgil: "Criticità nelle officine di Start Romagna. Servono investimenti urgenti"

Montesano evidenzia "un'emorragia occupazionale nelle due officine", dovuta - a suo dire - "alla sistematica mancanza di personale"

Investimenti urgenti sul personale delle officine di Forlì e Cesena" di Start Romagna. A richiederli è il segretario generale della Filt Cgil Luigi Montesano alla luce, secondo le osservazioni del sindacalista, delle "continue situazioni di criticità e anomalie di sistema che persistono ormai da qualche tempo". Montesano evidenzia "un'emorragia occupazionale nelle due officine", dovuta - a suo dire - "alla sistematica mancanza di personale, ormai cronicizzata, per effetto di pensionamenti, dimissioni del personale neo assunto a causa professionalità non riconosciute economicamente, oltreché per le disparità di trattamento salariale che viene applicato a discapito di questi ultimi e non imputabile sicuramente alla mera scarsa domanda".  

Di conseguenza, rimarca Montesano, "da qualche tempo non sono garantiti adeguati standard di manutenzioni programmate dei bus che circolano nel nostro bacino d'utenza di Forlì e Cesena. Le poche risorse umane disponibili sono impiegate per lo più su interventi a caduta, causati da manutenzioni accidentali, interventi urgenti e non preventivati, soccorsi in linea o fuori sede di autobus in panne. Il restante tempo a disposizione è impiegato nelle officine per svolgere le attività di controllo-manutenzione pre-collaudo in vista delle sedute di revisione ministeriale dei mezzi, divenute sempre più frequenti e bisognose di attività manutentive sempre più specifiche e scrupolose nei particolari".

"Tra l’altro - prosegue Montesano - siamo venuti a conoscenza delle difficoltà degli operatori addetti alla manutenzione, che per sopperire alla mancanza di ricambi, facendo una complicata “corsa al servizio” devono ricorrere all’utilizzo (come "extrema ratio") di ricambi usati o dismessi per la manutenzione o addirittura "presi in prestito" da altri autobus in fermo nei depositi, ”come dire spogliare un autobus per vestirne momentaneamente un altro”, quindi letteralmente cannibalizzati, per il fabbisogno di parti di ricambio destinate alla messa in servizio o per il collaudo di autobus marcianti, spesso indispensabili, dato il persistente rischio che saltino le linee di trasporto pubblico. C'è da aggiungere che le sedute di revisione ministeriale, sono svolte al di fuori delle officine Start Romagna di Forlì-Cesena (nelle sedi della Motorizzazione Civile di Forlì e quella di Cesena o presso strutture esterne convenzionate) con grande dispendio di forza lavoro (uomini, mezzi ed attrezzature) spesso tolta ancora una volta a discapito della manutenzione programmata degli autobus".

Il tutto, continua il sindacalista, "sommato alla costante mancanza di autobus di scorta, fa si che sia quotidianamente a rischio il corretto svolgimento del trasporto pubblico nel nostro territorio, oltre a destare forti preoccupazioni per la sicurezza dei lavoratori e dei cittadini utenti. In più occasioni la Filt Cgil Forlì-Cesena ha sollevato con grande preoccupazione tali problematiche alla direzione di Start Romagna, cercando un confronto con quest’ultima, ma si evince che le tematiche inerenti alla manutenzione dei mezzi, sembrino sempre relegate in fondo alla lista delle problematiche da affrontare. A fronte di questo ribadiamo la necessità di effettuare investimenti urgenti sul personale delle due officine in questione".

Inoltre viene rimarcato che "il personale tecnico addetto alla manutenzione degli autobus è sempre stato, è, e deve continuare ad essere classificato come un valore aggiunto per Start Romagna, non un semplice costo come qualcuno pensa. La corretta manutenzione dei mezzi è da sempre un tassello fondamentale per la fisiologica funzionalità del trasporto pubblico locale.  Non investire sul giusto reintegro di opearatori tecnici qualificati alla manutenzione degli autobus, equivale a non aver a cuore la sicurezza dei cittadini di Forlì e Cesena. In oltre, il continuo esternalizzare di lavori che avviene negli ultimi tempi in Start Romagna, a nostro parere contribuisce esclusivamente a destabilizzare l’organizzazione e rendere ancor più preoccupante l’ambita sicurezza, ed anche l’ambito economico correlato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trasporti, la Filt Cgil: "Criticità nelle officine di Start Romagna. Servono investimenti urgenti"

CesenaToday è in caricamento