Cronaca

Torna il Festival del Cibo di Strada in piazza della Libertà, "Una 3 giorni di convivialità e buon cibo"

Il Green Pass è richiesto per presenziare a questo tipo di eventi, ma non ci saranno varchi d'accesso nei quali verranno effettuati controlli

Dopo la mancata edizione del 2020 a causa del Covid, torna a Cesena il Festival del Cibo di Strada. Teatro dello storico evento cesenate sarà quest'anno piazza della Libertà, da venerdì 1 fino a domenica 3 ottobre, sempre dalle 12 fino alle 24 ad eccezione dell'ultimo giorno, quando si chiuderanno i battenti alle 22. Il Festival di Cesena è nato nel 2000 ed è la prima manifestazione organizzata e dedicata in Italia a questo tipo di cucina. Oggi un po’ tutti parlano di cibo di strada e organizzano iniziative su questo tema ma quello di Cesena resta il più originale, importante ed apprezzato appuntamento, testimoniato ogni anno da un grande successo di pubblico, di critica e seguito dalle principali testate giornalistiche nazionali. Ma il Festival di Cesena si distingue anche per l’organizzazione di incontri e show cooking. Non solo un Festival con la possibilità di gustare i migliori cibi di strada dal mondo e dalle regioni italiane, ma anche approfondimenti culturali ed enogastronomici grazie agli “Incontri di Gusto”. 

VIDEO Ecco come sarà il Festival del cibo di strada 2021

Come negli anni scorsi oltre alle delegazioni di 11 regioni italiane e 5 paesi esteri che prenderanno il pubblico per la gola con oltre 100 diversi cibi di strada, torneranno i gettonatissimi Incontri di Gusto, il ciclo di masterclass e cooking show che sveleranno le origini, la storia e le ricette di alcune delle specialità più amate del Festival. Gli incontri si terranno nello spazio dehor all’esterno del Bar AmoR, di fronte a piazza della Libertà, nel cuore di Cesena. L’accesso agli incontri è gratuito e si conclude sempre con una degustazione della specialità presentata.

Capitolo Green Pass: la certificazione è richiesta per presenziare a questo tipo di eventi, ma non ci saranno varchi d'accesso nei quali verranno effettuati controlli e, all'interno, l'organizzatore non è obbligato a verificarne che i partecipanti ne siano in possesso: si fa leva dunque sul buonsenso dei cittadini.

Una sola piazza dunque quest'anno per il Cibo di Strada, ma il direttore di Confesercenti di Cesena (uno degli organizzatori del Festival) e Ravenna Graziano Gozi è comunque soddisfatto: "L'importante era poter ripartire con la manifestazione, lo facciamo in un formato ridotto, ma siamo particolarmente felici". "Il loggiato in cui faremo gli Incontri di Gusto - spiega Gozi -, è una buona posizione perché si trova all'aria aperta, quindi senza particolari necessità legate a quelli che sono i dispositivi relativi al Covid".

Anche Slow Food Cesena fa parte della lista degli organizzatori dell'evento, così il suo fiduciario Luca Toni: "Il Festival è vita, contaminazione, incontro, e probabilmente è anche un po' tutto quello che nell'ultimo anno e mezzo non abbiamo vissuto. L'auspicio è quello di ritrovarsi in piazza della Libertà per una 3 giorni che riporti il sorriso attraverso la convivialità e il buon cibo". 

Il sindaco Lattuca prevede tanta partecipazione, vista la celebrità dell'evento: "Le condizioni ci sono, nel rispetto dei protocolli, per poter effettuare il Festival con una dimensione ridotta ma non meno qualità. Nonostante la promozione sia stata opportunamente limitata alla zona limitrofa, secondo me ci saranno comunque incursioni positive da fuori, perché la storia di questo Festival è ormai ventennale e c'è nell'agenda di chi segue questa tipologia di eventi".

Il programma 

Venerdì 2 ottobre ore 19.00: Pad thai - Thailandia. I tagliolini di riso saltati al wok, piatto simbolo dello street food di Bangkok, a cura del giornalista “gastronomade” Vittorio Castellani e del ristorante Yu Ramen di Cesena.

Sabato 2 ottobre ore 11.00: Arroz chaufa – Perù. Il riso saltato alla chino-peruviana, l’icona della cucina “chifa” del Barrio Chino di Lima, a cura sempre di Castellani e de La Straniera di Torino

Sabato 2 ottobre ore 17.00: la Piadina incontra i salumi di Parma, a cura della Condotta Slow Food di Cesena, show cooking con degustazione di prodotti tipici emiliano romagnoli: insieme con "E Chiuschet d'la Pida", chiosco cesenate premiato con la "Piadina d'Oro" all'ultima edizione di "Piadina d'Autore", sarà approfondita la preparazione della tradizionale piadina romagnola. Con "Doc32", sempre di Cesena, si vedranno invece alcuni salumi del territorio emiliano in abbinamento alla piadina. L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto Tipico a tavola di divulgazione e valorizzazione della cultura enogastronomica regionale, promosso da CAT Confesercenti Emilia Romagna.

Domenica 3 ottobre alle ore 11.00: Chana Masala – India. Il curry di ceci e i curries di legumi di strada nella cucina punjabi del nord dell’India, a cura di Vittorio Castellani e del ristorante Dawat di Torino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna il Festival del Cibo di Strada in piazza della Libertà, "Una 3 giorni di convivialità e buon cibo"

CesenaToday è in caricamento