menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa by Today.it

Foto Ansa by Today.it

Forte scossa di terremoto nel cuore della notte: la Romagna si sveglia di soprassalto

Una forte scossa di terremoto è stata distintamente sentita a Cesena e in tutta la Romagna pochi minuti dopo le 3,30 della notte tra martedì e mercoledì

Una forte scossa di terremoto è stata distintamente sentita a Cesena e in tutta la Romagna pochi minuti dopo le 3,30 della notte tra martedì e mercoledì. Molte persone sono state svegliate nel sonno dal prolungato movimento sismico, alle 3,36, durato una decina di secondi.  A seguito del terremoto sono scattati diversi sistemi d'allarme.

L'epicentro, secondo le prime informazioni è stato individuato nell'Appenino dell'Italia Centrale, in provincia di Rieti. Una scossa di magnitudo 6.0 Richter e ipocentro a 4 chilometri nel sottosuolo. La scossa è stata sentita praticamente in tutta l'Italia da nord a sud lungo la dorsale degli Appennini. L'area colpita dal terremoto è ad una sessantina di chilometri a nord-ovest dell'Aquila, la città devastata da una forte terremoto nel 2009. Anche in quell'occasione la terra tremò alle 3,30 circa e con una magnitudo paragonabile a quella del terremoto di stanotte. Nell'area dell'epicentro si segnalano estesi crolli, nelle Marche meridionali, in Umbria, Lazio e Abruzzo (colpite le province di Rieti, Ascoli Piceno, Aquila, Perugia e Terni).

I vigili del fuoco di Forlì-Cesena non segnalano danni. Il centralino del 115 è stato tempestato di chiamate per informazioni, ma di fatto nessuna squadra è uscita dalle caserme di Forlì, Cesena e del resto della provincia per interventi di soccorso o per crolli. I Vigili del Fuoco sono in allerta per eventuali interventi nelle aree terremotate del centro Italia, dove si segnalano estesi danni.

Una seconda scossa si è quindi verificata circa un'ora dopo, intorno alle 4,34,anche questa intensa, ma non come la prima.

Le ultime brevi scosse precedenti a quella di stanotte, in Romagna, sono avvenute nel tardo pomeriggio di venerdì scorso, quando i sismografi dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia avevano registrato nelle colline del Forlivese una scossa di magnitudo 2.1 Richter. Il terremoto era avvenuto alle 18,41 nei pressi di Rocca San Casciano. Lunedì invece due lievi scosse erano state registrate nella pianura faentina. La prima, di magnitudo 2.1 alle 7,05 ad una profondità di 23 chilometri a circa due chilometri da Faenza; la seconda, di magnitudo 2.4 sulla scala Richter, è stata rilevata alle 8,49, con epicentro ad una profondità di 21 chilometri. Quest'ultima scossa si era verificata tra Castel Bolognese e Faenza. I terremoti, causa la bassa intensità, non erano stati avvertiti dalla popolazione e non si erano registrano danni.

TERREMOTO DEL 24 AGOSTO: LO SPECIALE DI CITYNEWS

LE NEWS DA ANCONATODAY - PERUGIATODAY - ILPESCARA - LA DIRETTA DI ROMATODAY

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento