menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tenbota, Aisam, Razz: i prodotti per gli sportivi girano tutto il mondo con nomi in dialetto romagnolo

"Tenbota", "Aisam" "Porbia" "Donca" e "Razz". Nomi bizzarri all'orecchio di un non romagnolo ma che non lasciano dubbi a chi è della zona perché sono tutti modi di dire che incitano ad aver grinta nella vita e nello sport

"Tenbota", "Aisam" "Porbia" "Donca" e "Razz". Nomi bizzarri all'orecchio di un non romagnolo ma che non lasciano dubbi a chi è della zona perché sono tutti modi di dire che incitano ad aver grinta nella vita e nello sport. A utilizzarli, in modo assolutamente creativo, è stato il farmacista Luigi Santini di Cesena che da sempre opera nell'ambito della preparazione galenica. "Sono partito col produrre un preparato richiesto dai medici sportivi capace di proteggere dagli infortuni ricorrenti in cui cadono gli sportivi. Un integratore che servisse da recupero - spiega il dottor Santini - All'inizio non avevo dato nessun nome romagnolo, poi, quando il prodotto è iniziato a passare di mano in mano, e soprattutto da un ciclista all'altro, ho pensato di utilizzare i modi con cui parlano gli stessi sportivi romagnoli quando affrontano una salita oppure sono stanchi ma devono spingere ugualmente.  Il primo, l'ho chiamato "Aisam". Poi sono venuti tutti gli altri della famiglia...".

Prodotti che attualmente sono in vendita nella farmacia Santini ma che su internet vengono venduti in tutta Italia. Il marchio "Mtbness", realizzato dallo stesso farmacista, è un marchio che sponsorizza la squadra internazionale di mountain bike "Merida" e il testimonial del marchio è Loris Cappanna, atleta paraolimpico non vedente che ora abita a Forlimpopoli.  "Tutti i nostri prodotti non servono per stimolare in modo innaturale prestazioni eccezionali - spiega il dottor Santini - assolutamente no. Servono per far recuperare in modo naturale ed efficace l'organismo quando è sotto sforzo. Sono utili, infatti, per tutti gli sport ad alta intensità e con sforzi prolungati. Si va più forte perché, nel tempo, l'organismo, recuperando meglio, sta bene e migliora le sue performance".

Ma veniamo ai nomi. Aisam, significa "Ci siamo" e gli sportivi lo usano soprattutto quando devono recuperare velocemente. Dopo un infortunio dire "Aisam" significa che è tutto tornato a posto. "Tenbota", forse il più internazionale, è un modo di dire utilizzato anche durante il Covid. E' un prodotto che serve per migliorare le capacità di recupero dell'organismo. La "Porbia" è la polvere in romagnolo, quella che si fa mangiare all'avversario quando si va più forte di lui... "Razz" non serve spiegarlo. E "Donca" significa "Dunque" ovvero al momento opportuno fai vedere cosa sai fare...

Ultime nate, ma non ancora in commercio, sono delle tavolette energetiche sempre da utilizzare durante gli sforzi prolungati. Il nome? "Ancora non ce l'abbiamo... ma ci verrà in mente presto". L'ultimissima domanda: "Dottore, lei prima di metterle in commercio l'ha provate su di sé?" "Sì, tutte. Soprattutto per calibrare bene il gusto. Pratico alpinismo e posso dire che anche d'inverno, nel thermos caldo, sono molto buoni ed efficaci". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento