menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Technogym e bonus, Uil: "Tavolo separato degli altri sindacati indebolisce i lavoratori"

Il sindacato: "Vogliamo un modello nel quale la contrattazione integrativa, sugli elementi retributivi e sulle condizioni di lavoro, sia un esempio nazionale"

Fabrizio Ronconi, Segretario Generale UILM-UIL Cesena, riaccende i riflettori sui rapporti sindacali all'interno di Technogym.

"Da molti anni la UILM-UIL di Cesena segnala delle criticità nelle relazioni sindacali in Technogym. Vogliamo un modello nel quale la contrattazione integrativa, sugli elementi retributivi e sulle condizioni di lavoro, sia un esempio nazionale. Solo così si esalterà il valore di un azienda che produce attrezzi da Fitness e diffonde una filosofia di benessere. Per queste ragioni, abbiamo preso posizioni nette con l’impresa, anche stimolati dalle tante dichiarazioni lette nei giornali sulla responsabilità sociale dell’impresa e sul valore sociale del benessere del territorio".

"Qualche giorno fa Technogym - dettaglia il sindacato - comunica a mezzo stampa l’erogazione di un bonus in sostituzione del mancato premio aziendale, scelta unilaterale senza alcun confronto di merito. La UILM ha reagito a mezzo stampa. Come già capitato in passato, oltre a registrare la reazione stizzita dell’impresa, abbiamo dovuto registrare la reazione indispettita dei colleghi degli altri sindacati. Il libero arbitrio è un diritto che rispettiamo anche se la UILM indirizza la propria azione esclusivamente alla controparte datoriale. La UILM-UIL ha forte il valore dell’unità sindacale, la pratica da sempre, anche quando erano altri che creavano divisioni. Però vogliamo che questo significhi condividere la stessa strada alla stessa velocità; non vogliamo un sindacato al minimo, che contratta le buonuscite in caso di licenziamento. Se c’è questa volontà, il desiderio di fare quel percorso unitario è per noi un valore fondamentale per contribuire a cambiare la visione di questa azienda. Se viceversa c’è un idea di sindacato diverso e una interpretazione diversa sul ruolo del datore di lavoro, è evidente che noi non rinunceremo alla nostra azione. Le lavoratrici e i lavoratori giudicheranno democraticamente".

"Apprendiamo -prosegue Uil - che si è inteso da parte dei nostri colleghi, andare oltre a legittime esternazioni a mezzo stampa, per dare seguito ad un tavolo separato sulla questione Bonus; posto che all’atto pratico la contrattazione è regolata da norme precise, al momento registriamo una scelta che se proseguita, indebolisce le lavoratrici e i lavoratori. Se questa è la linea, sappiamo chiedere un tavolo di confronto anche solo come UILM, convinti delle nostre ragioni e in tale eventualità, valuteremo un piano di assemblee UILM. La nostra principale preoccupazione in una crisi sanitaria che sta cambiando le regole del gioco anche sul fronte produttivo e dei mercati, è il mantenimento e l’incremento del livelli retributivi, nonché il mantenimento dei livelli occupazionali, tenuto conto che la moratoria sui licenziamenti scadrà e non vorremo trovarci di fronte a ristrutturazioni che mirino ad un disinvestimento occupazionale. Ci auguriamo che le tante occasioni pubbliche nelle quali si manifesta uno stato di salute solido di questa fondamentale realtà territoriale e nazionale, sia coerente con quella responsabilità sociale tanto cara al patron. Ci auguriamo che nel tempo si possa condividere un percorso di piena valorizzazione del confronto".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento