Bonus di 50 euro, il centro-destra: "Mossa mediatica per riparare ad una cantonata micidiale"

Una marea di soldi che i cesenati hanno pagato di più proprio per l’incapacità della amministrazione di snellire le procedure - rimarca Casali -. Caporetto governativa, ottusità decisionale lampante"

I 50 auro di bonus sulle tasse locali? Una mossa mediatica. Non si fa attendere l'intervento dell'opposizione di centro-destra all'annuncio del sindaco Paolo Lucchi di voler restituire le detrazioni non fruite con un bonus sulle tasse locali di 50 euro a giugno 2015. A prendere la parola è stato Marco Casali, consigliere di Forza Italia e del gruppo “Libera Cesena”.

> BONUS DI 50 EURO SULLE TASSE LOCALI NEL 2015: ECCO PERCHE'
 

Dice Casali: “Lo avevamo detto in tempi non sospetti e lo abbiamo ribadito come Libera Cesena anche nell’ultima approvazione del bilancio, che il meccanismo messo in moto dalla Giunta per le detrazioni TASI (quello legato alla determinazione dell’Isee) era ed è un vero e proprio rompicapo per il contribuente. Abbiamo sempre sostenuto uno slogan che ci pare più che corretto: pagare le tasse è un dovere, pagarle in modo semplice è un diritto. Purtroppo non solo alcuni hanno pagato le tasse dopo ore di lavoro presso CAF e Patronati per godere della detrazione, ma altri addirittura (circa il 50%) ne hanno pagate di più perché hanno rinunciato alle agevolazioni di fronte a meccanismi perversi che solo una amministrazione burocrate come l’attuale poteva escogitare”.
 

E quindi “ecco quindi che spunta un tesoretto di circa 1,6 milioni di euro di detrazioni inutilizzate. Una marea di soldi che i cesenati hanno pagato di più proprio per l’incapacità della amministrazione di snellire le procedure - rimarca Casali -. Caporetto governativa, ottusità decisionale lampante, incapacità congenita nel semplificare. Queste le doti e virtù innate di una giunta e di un Sindaco (fortemente visionario a sinistra) che prendono cantonate micidiali pensando poi di farla franca sotto il profilo mediatico”.
 

Conclude Casali: “Ecco quindi che si affretta l’ennesima lettera del Sindaco nella quale si propone una restituzione a pioggia per il prossimo anno. Ma come, la scelta del meccanismo detrazioni tramite Isee era stata fatta per il più completo rispetto del principio di equità. Quando poi ci si accorge che il meccanismo, così come noi avevamo indicato, non può funzionare, si prende l’equità e la si chiude in un cassetto e quindi si redistribuisce a pioggia la detrazione a tutti. Il contrario di ciò che si voleva fare. Triste conclusione di una vicenda preannunciata. Ma anche il prossimo anno si replica con le stesse modalità. Visioni visionarie di indomiti ex comunisti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento